Easy and delicious Christmas biscuits

[Scorrete in basso per la versione in Italiano]

sables

I made these biscuits for a Christmas present the other day. I wrapped them in a nice paper and added a lovely white and red string and they were absolutely adorable. Unfortunately I had this idea at the last second, so I was late for my appointment and I didn’t manage to take a photo of them all nicely wrapped, but this made me think that some of you might need a last second idea for Christmas, so I have decided to share the recipe! They are sablés with spices and I also dipped the edges in dark chocolate. Including the dipping it took me about 1 hour to make them, so hands on! 🙂

Christmas spice Sablés (french shortbread biscuits)
Makes about 30 biscuits

  • 300 g flour
  • 150 g very cold butter
  • 150 g icing sugar
  • 2 egg
  • 1 pinch of salt
  • 2 teaspoon cinnamon powder
  • 1 teaspoon ginger powder
  • 1 teaspoon all spice
  • 1 teaspoon of orange zest, finely grated
  • 1 teaspoon cardamom powder
  • 1/2 teaspoon bicarb

Method:

Place all the dry ingredients in a bowl, then add the butter cut in little cubes. Using the tips of your fingers, mix the butter with the dry ingredients until you have a sand textured dough. Then add the egg and mix just until it all comes together. The dough will be really soft..Don’t panic! Just place it between to sheets of baking paper and flatten it a little. Put it in the freezer for about 10 minutes and in the mean time heat the oven to 190 °C . Take the dough out and roll it out between the sheets of baking paper until it is about half cm. thick. Cut it, dipping the cutter in flour every now and again but just leave the biscuits where they are!! As the dough is super super soft, for now just cut all of the biscuits but leave them were they are, then place everything back in the freezer for another 10/15 minutes. Then just flip the baking paper upside down and take off the paper. Separate the biscuits, get rid of the excess (knead it again and start all over again, if you have a lot) and place them on a tray on baking paper. I used a cookie stamp but to be honest they tend to rise a little in the oven, so it was barely noticeable once the biscuits were cooked! Bake for about 10 minutes of until gold on the bottom.

If you want, melt some chocolate on a bain-marie, take the cookie from the center and roll it dipping the edges on chocolate. Place them for a couple of minutes in the freezer and the job is done!

Of course tempered chocolate would be perfect, but to be honest, I kept it rustic and simple and I was really pleased with the result.  I wish you a wonderful Christmas and I can’t wait to share all my holiday adventures with you!

sables

Giorni fa ho avuto bisogno di preparare un regalo di Natale dell’ultimo secondo….Ho fatto questi biscottini e li ho incartati con carta da regalo e uno spago rosso e bianco, ed è venuto fuori un regalino adorabile! Purtroppo ci ho pensato solo all’ultimo minuto quindi ero in ritardo per il mio appuntamento e non ho fatto in tempo a fotografarli cotti e incartati, ma mi è venuto in mente che forse fra di voi c’è chi avrà bisogno di un’idea dell’ultimo minuto e quindi ho deciso di condividere questa ricetta! Sono dei sablés alle spezie. Io ho glassato i bordi con cioccolato fondente, e in totale ci ho messo più o meno un’ora, quindi all’opera! 🙂

Sablés alle spezie di Natale

Ricetta per circa 30 biscotti

  • 300 g farina
  • 150 g burro molto freddo
  • 150 g zucchero a velo
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiaini cannella in polvere
  • 1 cucchiaino zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino all spice (pepe giamaicano…se non lo trovate aumentate leggermente la quantità delle altre spezie)
  • 1 cucchiaino di scorza di arancia grattugiata
  • 1 cucchiaino cardamomo in polvere
  • 1/2 cucchiaino bicarbonato

Metodo

Mescolate tutti gli ingredienti secchi in una ciotola. Aggiungete il burro freddo tagliato a cubetti e lavorate con la punta delle dita fino ad ottenere un impasto sabbioso. Aggiungete quindi l’uovo e mescolate fino ad incorporarlo. L’impasto sarà molto morbido. Mettetelo fra due fogli di carta da forno e schiacciatelo un poco con le mani. Poi ponetelo in freezer per una decina di minuti. Dopo di che stendetelo fra i due fogli di carta da forno con il matterello fino ad uno spessore di mezzo centimetro. Tagliate le forme con un coppa pasta ma lasciate i biscotti dove sono. Mettete di nuovo tutto nel freezer per 10-15 minuti e nel frattempo scaldate il forno a 190°C. Quando l’impasto sarà ben freddo, girate il foglio di carta sotto sopra. Staccate i biscotti, togliete gli scarti (impastateli di nuovo e ricominciate! ) e sistemateli su una teglia con carta da forno. Io ho usato il timbro per biscotti ma sinceramente questo impasto tende a gonfiarsi in forno e la scritta si notava appena una volta cotti! Cuocete per circa 10 minuti o finché non saranno dorati alla base.  Se volete, sciogliete del cioccolato a bagno maria, poi prendete i biscotti tenendoli al centro e ruotateli coprendo i bordi di cioccolato. Metteteli un paio di minuti in freezer e il gioco è fatto!

Chiaramente sarebbe perfetto utilizzare del cioccolato temperato, ma io ho fatto le cose in modo rustico e semplice e sono molto contenta del risultato! 🙂 Non vedo l’ora di raccontarvi le mie avventure degli ultimi giorni, intanto vi auguro un felice Natale!

Advertisements

Lussekatter – flavours of Christmas in Sweden

“Now ‘neath the silver moon Ocean is glowing,
O’er the calm billows, soft winds are blowing.
Here balmy breezes blow, pure joys invite us,
And as we gently row, all things delight us.
Hark, how the sailor’s cry joyously echoes nigh:
Santa Lucia, Santa Lucia!
Home of fair Poesy, realm of pure harmony,
Santa Lucia, Santa Lucia!” 

[scorrete in basso per la versione in italiano]

lussekatter

I never liked Christmas. I was like the grinch in a sea of Santas. But here in Sweden the atmosphere is really magic and eventually quite contagious….I’ve been living here for 1 year only and I’m totally in love with all things Christmas now! 🙂

Before Christmas comes St. Lucy on the 13rd December and the celebrations for this day are very popular. The traditions are various, but I go directly to the one I love the most: FOOD. You can find lussekatter everywhere here, but the homemade ones are way better. So here is a great recipe for you all, enjoy a little bit of the Swedish Christmas anywhere you are!

lussekatter

Lussekatter {sweet saffron buns}
From Call me cupcake 

makes about 30 small buns.

  • 12 g. dehydrated yeast (or 50 g. fresh)
  • 1 g. saffron
  • 800 g. flour
  • 200 g. butter
  • 300 g. milk
  • 180 g. sugar
  • 3 g. salt
  • 1 egg
  • 200 gr. cream
  • a handful of raisins (I soaked them in Tio Pepe wine)
  • the zest of 1/2 orange, finely grated (this is unconventional, but I really think it works perfectly in the recipe!)

one egg and a dash of cream or milk to brush.

Start by soaking the raisins, if you want to. Melt the butter with the saffron, then add the milk and cream and check the temperature, you need it at about 30 °C. If you don’t have a thermometer, just wait until it’s room temperature. Sprinkle the yeast in a big bowl and add the milk+butter mix. Add the sugar, the egg and part of the flour. Mix and then add the salt. Add the rest of the flour and knead. You will see that the dough it’s really moist and fat, so I find it easier to knead it directly in the bowl, to avoid adding too much flour. Leave to proof until doubled in size covered with loose cling film.

Then pour it on a surface dusted with flour and knead really quickly, don’t over-knead it or it will get elastic and you will need to leave it to rest again before you can shape it. Make little S shaped buns and leave them to proof again on a tray lined with baking paper, remembering to leave some space between a bun and the other, as they will grow!

Once they are puffy (about 30-45 mins) decorate them with 2 raisins, brush them with the egg and cream and bake them in the middle of the oven at 220 °C for about 10 minutes or until golden underneath.

Remember to freeze immediately the ones you don’t want to eat as they dry out very quickly. I recommend you try them with a cup of hot chocolate, for me is the best combination!

TIP: you can use this dough to make an edible gift like this.

I wish you all a lovely Christmas!

lussekatter

“Sul mare luccica l’astro d’argento.
Placida è l’onda, prospero è il vento.
Venite all’agile barchetta mia,
Santa Lucia! Santa Lucia!
Con questo zeffiro, così soave,
Oh, com’è bello star sulla nave!
Su passegieri, venite via!
Santa Lucia! Santa Lucia!
In fra le tende, bandir la cena
In una sera così serena,
Chi non dimanda, chi non desia.
Santa Lucia! Santa Lucia!
Mare sì placida, vento sì caro,
Scordar fa i triboli al marinaro,
E va gridando con allegria,
Santa Lucia! Santa Lucia!”

lussekatter

Devo ammettere che il Natale non mi è mai piaciuto. Ma qui in Svezia l’atmosfera è davvero magica e a questo punto direi anche contagiosa, visto che vivo qui da poco più di anno e già ho cambiato idea, adoro tutto ciò che è natalizio! 🙂

Prima di Natale però c’è la festa di Santa Lucia, il 13 dicembre e le celebrazioni per questa festa qui sono davvero popolari. Le tradizioni sono tante ma io passo direttamente a quella che mi interessa di più: IL CIBO. In questi giorni si vedono Lussekatter ovunque, ma quelli fatti a casa sono tutta un’altra cosa. Così eccovene una ricetta fantastica, perché possiate assaporare un po’ del Natale svedese ovunque voi siate!

lussekatter

Lussekatter {panini dolci allo zafferano}
da Call me cupcake 

ricetta per circa 30 panini di dimensione medio-piccola

  • 12 g. lievito di birra disidratato (oppure 50 g. di lievito di birra fresco)
  • 1 g. zafferano
  • 800 g. farina
  • 200 g. burro
  • 300 g. latte
  • 180 g. zucchero
  • 3 g. sale
  • 1 uovo
  • 200 gr. panna
  • una manciata di uva passa (la mia ammollata in Tio Pepe)
  • la scorza di mezza arancia grattugiata finemente (la ricetta originale non la prevede, ma secondo me ci sta benissimo!)

un uovo e un goccio di panna o latte per dorare.

Cominciate mettendo a bagno l’uvetta, se avete deciso di farlo. Fondete il burro con lo zafferano e poi aggiungete il latte e la panna. Controllate la temperatura: dovrete utilizzarlo a 30° C circa. Se non avete un termometro aspettate ed utilizzate il composto a temperatura ambiente. Disponete il lievito in una ciotola capiente e versatevi il composto di latte e burro. Aggiungete o zucchero, l’uovo e un poco di farina e mescolate. Aggiungete il sale e la restnte farina e lavorate fino ad ottenere un impasto liscio. Noterete che l’impasto è molto umido e grasso, quindi io ho l’abitudine di lavorarlo direttamente nella ciotola per evitare di dover aggiungere troppa farina. Copritelo con della pellicola a contatto con la superficie della pasta e lasciatelo lievitare fino al radoppio della dimensione. A questo punto rovesciatelo su una superficie infarinata e lavoratelo velocemente, evitate di lavorarlo in eccesso o la pasta diventerà elastica e sarà necessario farla riposare di nuovo prima di poter formare i panini. Formate dei panini a forma di S e disponeteli su una placca coperta di carta da forno, ben distanziati l’uno dall’altro. Una volta lievitati (ci vorranno all’incirca 30-40 minuti), spennellateli con l’uovo mescolato alla panna e decorateli con 2 uvette per panino.

Informate a 220°C per circa 10 minuti o comunque fino a che siano ben dorati alla base.

Ricordatevi di congelare immediatamente quelli che non vorrete consumare subito dato che si seccano velocemente. Io vi consiglio di provarli con una tazza di cioccolata calda, per me è la combinazione perfetta!

PS: potete utilizzare questa ricetta per realizzare dei regalini come questo

Vi auguro un fantastico Natale!

Un crumble per due…anzi per Bloggalline

[scroll down for the english version]

Questo è un dolce casalingo, senza pretese. All’apparenza semplice, anzi, imperfetto. E’ un dolce che se ne frega dell’aspetto esteriore, lui il buono ce l’ha dentro. Al primo morso, rivela tanti sapori diversi ma ben abbinati l’uno con l’altro, tutti delicati, nessuno troppo invadente. E’ il classico comfort food, quello che mangi a cucchiaiate sul divano di casa tua, in pigiama, senza pensieri. Quel dolce che non pensavi, ma è proprio, semplicemente, buonissimo.

Questo dolce ho voluto preparare per descrivere ciò che Bloggalline significa per me, dopo la serata del 2 ottobre a Milano.

E siccome quello dei dolci è il linguaggio che mi si addice di più, non so descriverlo con altre parole.

Del resto non importa, perchè so che loro capiranno.

CRUMBLE DI PERE CONFERENCE (in tegamino deluxe)

Dose per due persone.

Crumble di pere

INGREDIENTI PER IL RIPIENO:

  • 300 gr di pere confrence, sbucciate e tagliate a pezzettoni
  • 15 gr. zucchero di canna
  • i semi di una bacca di vaniglia
  • un pizzico di scorza di arancia

PER IL CRUMBLE

  • 60 gr. burro
  • 90 gr. farina
  • 15 gr. cocco rapé
  • 50 gr. zucchero di canna
  • (i filamenti più grandi dell’interno della bacca di vaniglia, se ce ne sono)
  • un pizzico di sale

PER LA CREMA 

  • 70 gr. panna (più un goccio per ammorbidire il mascarpone)
  • 30 gr. mascarpone
  • 10 gr. zucchero a velo

Preriscaldate il forno a 180° C. In una ciotola, mescolate delicatamente le pere con gli aromi e lasciate da parte.

Preparate il crumble, versando in una ciotola la farina, il cocco, lo zucchero, il sale e la vaniglia. Aggiungete il burro freddo di frigo tagliato a cubetti e cominciate a lavorare con la punta delle dita fino ad ottenere delle grosse briciole. Versate le pere sul fondo di una piccola pirofila, poi distribuite il crumble fino a coprirle tutte, in questo modo:

Pear crumble

e infornate per una quindicina di minuti, o finchè non raggiunga il bel colore dorato. Controllate che le pere siano ben morbide prima di sfornare.

Intanto, preparate la crema. Ammorbidite il mascarpone con un goccio di panna liquida e incorporateci il resto della panna semi montata con l’aiuto di una spatola, cercando di mescolare il meno possibile per evitare che la crema si separi. Questo accade per via dell’alto contenuto di grassi del mascarpone, quindi mescolatelo sempre il meno possibile.

Quando il crumble è ben dorato, sfornate, guarnitelo con una bella cucchiaiata di crema e ……godetevelo! 🙂

Nota: Grazie a Pentole Agnelli per questo meraviglioso tegamino che adoro e conserverò con cura e amore!

This is a home style dessert. It is simple, imperfect, not really pretty..it is just plain and simple GOOD comfort food. So make it, put your pyjamas on, grab a spoon and eat it on the couch, while watching a movie with your other half of the apple, with a friend, or whoever makes you happy!

CONFERENCE PEAR CRUBLE (recipe for 2 people)

Crumble di pere

For the filling:

  • 300 gr conference pears, peeled and cut in chunky pieces
  • 15 gr. brown sugar
  • the seeds of 1 vanilla pod
  • a pinch of orange zest, finely grated

For the crumble:

  • 60 gr. butter
  • 90 gr. all purpose flour
  • 15 gr. grated coconut
  • 50 gr. brown sugar
  • a pinch of salt
  • put in also the bigger bits that come off when you scrape the vanilla pod 🙂

For the cream:

  • 70 gr. soft whipped cream (plus a little to make the mascarpone soft)Pear crumble
  • 30 gr. mascarpone cheese
  • 10 gr.icing sugar

Preheat the oven at 180° C. In a bowl, mix delicately the pears with the sugar and spices and leave on a side.

Prepare the crumble by mixing all the dry ingredients in a bowl, then add the butter very cold and cut into cubes and start mixing using only the tip of your fingers, until you get a crumbly mix. Pour the pears on a small oven dish a cover them with the crumble.

Bake for about 15 minutes or until nice and gold colour. Always check that the pears are soft before removing it from the oven.

In the mean time make the cream. Soften the mascarpone up with some liquid cream and then mix to the whipped cream, using a spatula. Try mixing the mascarpone as little as possible, to avoid splitting the cream. This tends to happen with mascarpone cheese, due to its high fat content, so always stir it as little as possible.

Scoop a generous amount of cream on your crumble and dig in!

Happy baking! 🙂

Rose is a rose is a rose

[scorrete in basso per la versione in italiano]

“Rose is a rose is a rose is a rose.

Loveliness extreme.

Extra gaiters.

Loveliness extreme.

Sweetest ice-cream.”

[Gertrude Stein, Sacred Emily]

How about you press play, and keep reading while listening to some good music?:)

Tomorrow is mother’s day, at least in Italy, and I want to tell you about this feminine, delicate, scented cake, that I made for this occasion.

This is for my mum, to tell her that she is special and I love her very much.

cake 2.jpg

White Rose Cake 

Ingredients for a 16 cm cake:

  • 225 gr. flour
  • 10 gr. baking powder
  • 4 gr. di salt
  • 6 egg whites
  • 225 gr. unsalted butter
  • 225 gr. sugar
  • 60 gr. greek yogurt
  • 60 gr. milk
  • 2 or 3 tbs rose water (it is always better to taste, because depending on your rose water or oil, this amount may vary)
  • vanilla powder or grains of a vanilla bean
  • edible rose petals

For the frosting:

  • 300 gr cream cheese
  • 170 gr. sugar
  • 400 gr. whipped cream
  • edible rose petals
  • 2 or 3 tbs rose water
  • fresh strawberries, diced.

Method:

Bring the butter to room temperature and beat it with the sugar, until white and airy. Add the vanilla and the rose water, then the salt, the yogurt and the milk.

Now warm up a little the egg whites in the microwave and add them little by little to the mix. If it splits, no panic! This only means that the whites were too cold, so all you need to to is warm up the mix a little (not to much, or all the nice air bubbles will collapse) and it will go back together. If you are using a mixer, just heat up the bowl, or just bring it near the stove, keep mixing and have faith! 🙂

Now add the flour previously sifted together with the baking powder, mixing by hand, with a rubber spatula.

If you have them, add also the petals. If you couldn’t find fresh ones, you can always use dried ones like I did:

mix.jpg.jpg

Line a mould with baking paper, making sure that on the sides, the paper is a few centimeters higher than the mould.

Bake in a pre-heated oven at 180° C for about 45 minutes, but always check with a skewer.

For the frosting:

Whip the cream. On a side, bring the cheese to room temperature, and whisk it with the sugar and the rose water until nice and smooth. Add a little part of the cream, and mix well to adjust the consistency. Then take a rubber spatula and fold in the rest of the cream. If you want, add some rose petals here too.

When the cake is completely cold, or even better the day after, cut it in 3 layers and brush it with some syrup, made of one part of strawberry jam and one part of boiling water. If you have it, place it on a cake board of the same size of the cake. Fill it with some cream and fresh strawberries and cover it with cream, using a turntable if you happen to have one.

naked.jpg

If you want you can even leave it like that…naked! I decorated it with some rose petals.

cake 1.jpg

And this is the result!
cake with text cool

To all the mums and grandmothers out there, I wish you a wonderful day,  hopefully spent with your families!

Happy baking 🙂

Felicità…

“C’è un’ape che se posa su un bottone de rosa: lo succhia e se ne va… tutto sommato, la felicità è una piccola cosa.”

[Trilussa, Felicità]

 

Che ne dite di premere play, e continuare la lettura con questo bellissimo sottofondo?

http://www.youtube.com/watch?v=uJOxQEM3rXY

Domani è la festa della mamma, e io vi racconto di questo dolce femminile, delicato e profumato che ho preparato per questa occasione.

Mamma, se leggerai questo post, sappi che questo dolce è per te. Mi manchi tanto e ti voglio bene, anche se non te lo dico mai!

White Rose Cake 

Ingredienti per una torta da 16 cm:

  • 225 gr. farina 00
  • 10 gr. baking powder
  • 4 gr. di sale
  • 6 albumi d’uovo
  • 225 gr. burro non salato
  • 225 gr. zucchero
  • 60 gr. di yogurt greco
  • 60 gr. latte
  • 2 o 3 cucchiai di acqua di rose (è sempre meglio assaggiare, perchè a seconda dell’aroma che utilizzerete, la quantità puo’ variare)
  • polvere o semini di vaniglia
  • petali di rosa eduli q.b

Per il frosting:

  • 300 gr di formaggio bianco tipo Philadelphia
  • 170 gr. zucchero
  • 400 gr. panna fresca da montare
  • petali di rosa eduli q.b
  • 2 o 3 cucchiai di acqua di rose
  • fragole fresche tagliate a pezzettini

Metodo:

Portate il burro a temperatura ambiente e montatelo con lo zucchero e la vaniglia, fino a renderlo bianco e spumoso (il l’ho fatto a mano, quindi ho riscaldato in microonde una parte del burro per poter faticare di meno!). Aggiungete il sale, lo yogurt, il latte e l’acqua di rose e mescolate. Incorporate poco alla volta gli albumi leggermente intiepiditi al microonde. A questo punto, forse, noterete che l’impasto si separa. Niente panico! Questo accade quando aggiungiamo all’impasto dei liquidi (in questo caso gli albumi) troppo freddi, e non riescono ad incorporarsi al burro. Basterà semplicemente riscaldare un pochino il tutto – non troppo, o le bolle d’aria incorporate montando si sgonfieranno! – continuando a mescolare, e tutto tornerà a posto! Come fare? Semplice, se mescolate a mano, mettetevi vicino ad un fornello accesso, se mescolate in planetaria utilizzate un cannello di quelli per caramellare lo zucchero..e abbiate fiducia, tutto tornerà magicamente a posto!

A questo punto incorporate la farina precedentemente setacciata insieme al lievito, mescolando dal basso verso l’alto con una marisa.

Se siete riusciti a reperirli, aggiungete ora anche i petali di rosa. In mancanza di petali freschi, potete utilizzare quelli secchi, come ho fatto io.

Foderate una tortiera da 16 cm con carta da forno, facendo attenzione che sui lati la carta superi in altezza il bordo della tortiera di qualche centimetro.

Infornate in forno preriscaldato a 180° C per circa 45 minuti, ma fate comunque la prova dello stecchino!

Io di solito cuocio sempre la torta il giorno prima di decorarla, per avere maggiore facilità nel tagliarla. In ogni caso fatela raffreddare completamente prima di farcirla.

Per il frosting:

Montate la panna. A parte, portate il formaggio a temperatura ambiente e mescolatelo bene allo zucchero e all’acqua di rose con una frusta, fino ad ottenere un composto ben liscio. Aggiungete una piccola parte della panna e mescolate energicamente. Ora mettete da parte la frusta, prendete la marisa ed incorporate la restante panna mescolando dal basso verso l’alto. Se volete, aggiungete dei petali di rosa.

Quando la torta sarà fredda, tagliatela in 3 strati e, se lo avete a disposizione, mettetela su un sottotorta della stessa dimensione. Realizzate una bagna con marmellata di fragola setacciata e acqua bollente in parti uguali e spennellate i tre strati (io questo passaggio l’ho saltato perchè non sapevo se era o meno concesso, ma a voi lo consiglio!). Distribuite bene la crema e i dadini di fragola.

Se lo avete, posizionate la torta su un tavolo rotante e ricopritela di crema.

Volendo, potete anche lasciarla così, nuda! Io però l’ho decorata con dei petali di rosa.

Ed ecco il risultato!

cake 2.jpg

Con questo dolce partecipo a ReCake 8, quindi come al solito ho seguito fedelmente la ricetta proposta, cercando di modificarla il meno possibile.

locandina rose

Per conoscere meglio ReCake, o perchè no, per unirvi a noi, cliccate qui.

A tutte le mamme, auguro di passare una bellissima giornata in compagnia dei vostri figli e nipoti!

Happy Baking! 🙂

 

 

 

 

Goodbye diet, hello Semlor!

[scorrete in basso per la versione in italiano]

“King Adolf Frederick of Sweden died of digestion problems on February 12, 1771 after consuming a meal consisting of lobster, caviar, sauerkraut, smoked herring and champagne, which was topped off by fourteen helpings of hetvägg, the king’s favorite dessert.”

Believe me when I say that these things are to die for! 🙂

Mardì gras, fat tuesday, however you want to call it, it’s Semla day. As you know by now, I’m trying to fit in my new home, so I’ll start by all sort of tradition that involves, baking, calories, eating, and – oh boy- forgetting about my diet.

Semla (plural Semlor) has a very old history. Traditionally, it was only a plain bun eaten on Shrove tuesday, from a bowl of hot milk.

Then the cream came in, and nowadays semlor are available from right after Christmas until Easter, and the tradition of the hot milk bowl (hetvägg…remember King Adolf Frederick of Sweden?) is disappearing.

Each Swede consumes on average five bakery-produced semlor each year, in addition to all those that are homemade. 

This is a recipe is adapted from the Call me cupcake one. 

Ingredients for the dough:

  • 380 gr. flour + 50 gr. for dusting
  • 25 gr. fresh yeast
  • 80 gr. butter
  • 250 gr. milk
  • 25 gr. ground cardamom
  • 35 gr. sugar
  • a pinch of salt
  • 1 egg and a splash of milk to brush

Method: 

In a saucepan, melt the butter and add the cardamom, to help release the flavour. Add the cold milk and check the temperature. Reheat or let cool until it reaches 30°C.  In a big bowl, crumb the yeast, pour over the milk and butter mix and stir until dissolved. Then add the sugar, half of the flour and mix a little. At this point add the salt and the rest of the flour. Move onto a floured surface and work until smooth, gradually incorporating the extra 50 gr. of flour, if you see that you need them. Make sure you end up with a very soft dough, or it will result in hard and dry buns.

Make balls of about 70 gr. for a regular size semla, making sure there is no flour on the table (otherwise they will never smooth) by pushing them towards the table and rolling them under your hand like so:

Now let proof on the oven tray with baking paper, covered, for about 1 hour or until they double in size.

Heat the oven at 225 °C, brush your buns with the beaten and and milk and bake for about 10 minutes, if they are 70 gr. in size.

While they cook prepare the filling:

For the chantilly:

  • 550 gr. heavy cream
  • 30 gr. icing sugar
  • 4 gr. vanilla powder (the black stuff) or the grains of 1 vanilla bean

Simply whip together all the ingredients until you get a firm consistency.

For the almond cream

  • 400 gr. almond paste
  • milk to smooth (I used about 1/2 a glass, but it will depend on the almond paste you use)

If you use a mixer, then mix the almond paste on low speed and add the milk, gradually, until you get a creamy and smooth consistency. If you are doing this by hand, start smoothing it with a fork. At the beginning it will look like a mess, but if you keep adding the milk little by little it will come together really well. Don’t add too much milk: remember that there is always time to add more, but when you add too much, there’s no way to take it back!

Once that the buns are cooked, let cool, then cut the top with a bread knife and make a whole in the center with your fingers, like so:

Put the “waste” of the bun in the almond cream and mix.

Now fill the bun with the almond cream and then add the whipped cream, either with a piping bag or with a spoon, like I did, for a more rustic look.

Put the hats back on, and dust with icing sugar.

Enjoy!

“Il re Adolfo Federico di Svezia è morto per problemi legati alla digestione, il giorno 12 febbraio 1771, dopo aver consumato un pasto a base di aragosta, caviale, crauti, aringa affumicata e champagne, il tutto accompagnato da quattordici porzioni di  hetvägg, il dolce preferito del re”

Credetemi quando vi dico che questi dolci  sono buoni da morire! 🙂

Mardì gras, martedì grasso, chiamatelo come volete, è il giorno dei Semla.

Come ben sapete sto cercando di integrarmi, qui in Svezia, e ho deciso di cominciare da tutte le tradizioni che hanno a che vedere con accendere il forno, cucinare, mangiare, calorie e – in una parola – dimenticare la mia dieta.

Semla (al plurale Semlor) è un dolce con una tradizione lunghissima. All’inizio era solo un panino senza aromi ne ripieni, mangiato il martedì prima del mercoledì delle ceneri, in una tazza di latte caldo.

Poi è arrivata la crema, e al giorno d’oggi i semlor si trovano dappertutto, da subito dopo Natale, fino a Pasqua, e la tradizione della tazza di latte (hetvägg…vi ricordate di Re Adolfo Federico di Svezia?!sta sparendo.

In media, ogni svedese consuma 5 semlor acquistati in pasticceria, e in più ne prepara a casa. 

Questa è una ricetta adattata da quella di  Call me cupcake 

Ingredienti per l’impasto:

  • 380 gr. farina + 50 per spolverare il tavolo
  • 25 gr. lievito fresco di birra
  • 80 gr. burro
  • 250 gr. latte
  • 25 gr. cardamomo in polvere
  • 35 gr. zucchero
  •  1 pizzico di sale
  • 1 uovo e un cucchiaio di latte per dorare

Metodo

In un pentolino, fondere il burro e aggiungere il cardamomo, per cominciare a liberare i profumi. Aggiungere il latte freddo e controllare la temperatura: riscaldare o far freddare, fino ad arrivare ad una temperatura di  30° C.

In una ciotola capiente sbriciolare il lievito, aggiungere il mix di latte e burro e mescolare fino a dissolvere il lievito. Aggiungere lo zucchero e metà della farina, poi il sale e la restante farina. mescolare bene e trasferire sul tavolo infarinato. Continuare ad impastare fino ad avere un impasto liscio, aggiungendo gradualmente gli extra 50 gr. di farina solo se vedete che ne avete bisogno. Dovrete comunque ottenere un impasto molto morbido, o rischierete di ottenere dei panini duri e secchi.

Formate delle palline di circa 70 gr. per un semla di dimensioni regolari. Fate attenzione che non ci sia farina sul tavolo, o non riuscirete a lisciare le palline. Spingete verso il tavolo con la mano a coppa, e muovete  la mano nel verso che preferite (io di solito vado in senso orario).

Lasciate lievitare, coperti da un panno pulito, direttamente sulla placca con carta da forno, per un’ora o finché non siano duplicati di dimensioni.

Riscaldate il forno a 225° C e dorate con un pennello i panini. Infornate per circa 10 minuti, se avete realizzato delle palline da 70 gr.

Mentre cuociono, preparate il ripieno:

Per la chantilly

  • 550 gr. panna da montare
  • 30 gr. zucchero a velo
  • 4 gr. vaniglia in polvere (quella nera) o i grani di 1 bacca di vaniglia

Montate insieme gli ingredienti fino ad avere una consistenza soda.

Per la crema di mandorle

  • 400 gr. pasta di mandorle
  • latte q.b (io ne ho usato circa mezzo bicchiere, ma dipenderà dalla pasta di mandorle che utilizzerete)

Se usate una planetaria, impastate la pasta di mandorle a velocità bassa aggiungendo il latte poco alla volta. Se invece procedete a mano, fatelo con una forchetta. All’inizio sembrerà un gran pasticcio, ma continuate a mescolare e vedrete che verrà benissimo. Non aggiungete troppo latte, si fa sempre in tempo ad aggiungere, ma se ne mettete troppo non c’è modo di toglierlo!

Una volta che i panini sono cotti, fateli freddare, poi tagliate la sommità con un coltello da pane e svuotateli con le dita, così:

Mescolate gli scarti dei panini alla crema di mandorle.

Riempite i panini con la crema di mandorle e poi aggiungete la chantilly alla vaniglia, con un sac à poche oppure con un cucchiaio per un risultato più rustico, come ho fatto io.

Rimettete “il cappello” e spolverate con lo zucchero a velo.

Buona merenda!