Lussekatter – flavours of Christmas in Sweden

“Now ‘neath the silver moon Ocean is glowing,
O’er the calm billows, soft winds are blowing.
Here balmy breezes blow, pure joys invite us,
And as we gently row, all things delight us.
Hark, how the sailor’s cry joyously echoes nigh:
Santa Lucia, Santa Lucia!
Home of fair Poesy, realm of pure harmony,
Santa Lucia, Santa Lucia!” 

[scorrete in basso per la versione in italiano]

lussekatter

I never liked Christmas. I was like the grinch in a sea of Santas. But here in Sweden the atmosphere is really magic and eventually quite contagious….I’ve been living here for 1 year only and I’m totally in love with all things Christmas now! 🙂

Before Christmas comes St. Lucy on the 13rd December and the celebrations for this day are very popular. The traditions are various, but I go directly to the one I love the most: FOOD. You can find lussekatter everywhere here, but the homemade ones are way better. So here is a great recipe for you all, enjoy a little bit of the Swedish Christmas anywhere you are!

lussekatter

Lussekatter {sweet saffron buns}
From Call me cupcake 

makes about 30 small buns.

  • 12 g. dehydrated yeast (or 50 g. fresh)
  • 1 g. saffron
  • 800 g. flour
  • 200 g. butter
  • 300 g. milk
  • 180 g. sugar
  • 3 g. salt
  • 1 egg
  • 200 gr. cream
  • a handful of raisins (I soaked them in Tio Pepe wine)
  • the zest of 1/2 orange, finely grated (this is unconventional, but I really think it works perfectly in the recipe!)

one egg and a dash of cream or milk to brush.

Start by soaking the raisins, if you want to. Melt the butter with the saffron, then add the milk and cream and check the temperature, you need it at about 30 °C. If you don’t have a thermometer, just wait until it’s room temperature. Sprinkle the yeast in a big bowl and add the milk+butter mix. Add the sugar, the egg and part of the flour. Mix and then add the salt. Add the rest of the flour and knead. You will see that the dough it’s really moist and fat, so I find it easier to knead it directly in the bowl, to avoid adding too much flour. Leave to proof until doubled in size covered with loose cling film.

Then pour it on a surface dusted with flour and knead really quickly, don’t over-knead it or it will get elastic and you will need to leave it to rest again before you can shape it. Make little S shaped buns and leave them to proof again on a tray lined with baking paper, remembering to leave some space between a bun and the other, as they will grow!

Once they are puffy (about 30-45 mins) decorate them with 2 raisins, brush them with the egg and cream and bake them in the middle of the oven at 220 °C for about 10 minutes or until golden underneath.

Remember to freeze immediately the ones you don’t want to eat as they dry out very quickly. I recommend you try them with a cup of hot chocolate, for me is the best combination!

TIP: you can use this dough to make an edible gift like this.

I wish you all a lovely Christmas!

lussekatter

“Sul mare luccica l’astro d’argento.
Placida è l’onda, prospero è il vento.
Venite all’agile barchetta mia,
Santa Lucia! Santa Lucia!
Con questo zeffiro, così soave,
Oh, com’è bello star sulla nave!
Su passegieri, venite via!
Santa Lucia! Santa Lucia!
In fra le tende, bandir la cena
In una sera così serena,
Chi non dimanda, chi non desia.
Santa Lucia! Santa Lucia!
Mare sì placida, vento sì caro,
Scordar fa i triboli al marinaro,
E va gridando con allegria,
Santa Lucia! Santa Lucia!”

lussekatter

Devo ammettere che il Natale non mi è mai piaciuto. Ma qui in Svezia l’atmosfera è davvero magica e a questo punto direi anche contagiosa, visto che vivo qui da poco più di anno e già ho cambiato idea, adoro tutto ciò che è natalizio! 🙂

Prima di Natale però c’è la festa di Santa Lucia, il 13 dicembre e le celebrazioni per questa festa qui sono davvero popolari. Le tradizioni sono tante ma io passo direttamente a quella che mi interessa di più: IL CIBO. In questi giorni si vedono Lussekatter ovunque, ma quelli fatti a casa sono tutta un’altra cosa. Così eccovene una ricetta fantastica, perché possiate assaporare un po’ del Natale svedese ovunque voi siate!

lussekatter

Lussekatter {panini dolci allo zafferano}
da Call me cupcake 

ricetta per circa 30 panini di dimensione medio-piccola

  • 12 g. lievito di birra disidratato (oppure 50 g. di lievito di birra fresco)
  • 1 g. zafferano
  • 800 g. farina
  • 200 g. burro
  • 300 g. latte
  • 180 g. zucchero
  • 3 g. sale
  • 1 uovo
  • 200 gr. panna
  • una manciata di uva passa (la mia ammollata in Tio Pepe)
  • la scorza di mezza arancia grattugiata finemente (la ricetta originale non la prevede, ma secondo me ci sta benissimo!)

un uovo e un goccio di panna o latte per dorare.

Cominciate mettendo a bagno l’uvetta, se avete deciso di farlo. Fondete il burro con lo zafferano e poi aggiungete il latte e la panna. Controllate la temperatura: dovrete utilizzarlo a 30° C circa. Se non avete un termometro aspettate ed utilizzate il composto a temperatura ambiente. Disponete il lievito in una ciotola capiente e versatevi il composto di latte e burro. Aggiungete o zucchero, l’uovo e un poco di farina e mescolate. Aggiungete il sale e la restnte farina e lavorate fino ad ottenere un impasto liscio. Noterete che l’impasto è molto umido e grasso, quindi io ho l’abitudine di lavorarlo direttamente nella ciotola per evitare di dover aggiungere troppa farina. Copritelo con della pellicola a contatto con la superficie della pasta e lasciatelo lievitare fino al radoppio della dimensione. A questo punto rovesciatelo su una superficie infarinata e lavoratelo velocemente, evitate di lavorarlo in eccesso o la pasta diventerà elastica e sarà necessario farla riposare di nuovo prima di poter formare i panini. Formate dei panini a forma di S e disponeteli su una placca coperta di carta da forno, ben distanziati l’uno dall’altro. Una volta lievitati (ci vorranno all’incirca 30-40 minuti), spennellateli con l’uovo mescolato alla panna e decorateli con 2 uvette per panino.

Informate a 220°C per circa 10 minuti o comunque fino a che siano ben dorati alla base.

Ricordatevi di congelare immediatamente quelli che non vorrete consumare subito dato che si seccano velocemente. Io vi consiglio di provarli con una tazza di cioccolata calda, per me è la combinazione perfetta!

PS: potete utilizzare questa ricetta per realizzare dei regalini come questo

Vi auguro un fantastico Natale!

Cocoa and marzipan cake with whole pears

[scorrete in basso per la versione in italiano]

“..but I’m still touched by falling leaves
especially those falling on boulevards
especially chestnut leaves
and if kids are around
if it’s sunny
and I’ve got good news for friendship
especially if my heart doesn’t ache
and I believe my love loves me
especially if it’s a day I feel good about people
I’m touched by falling leaves
especially those falling on boulevards
especially chestnut leaves.”

Nazim Hikmet

You gotta love winter.

Especially if you decided to move to Sweden.

Me, I don’t like it, but I have started to appreciate the beauty of it, only since I moved here. Autumn goes so fast, I’m not even sure it is winter already….it is cold, but it is full of yellow, red and orange leaves everywhere and that is magical. Soon, they will be gone and everything will turn white. So I wanted to create a cake that could try to represent this very short period of the year, I hope you get the feeling.

So let’s say: winter is ok, with cake and hot chocolate. Deal?!

Some time ago I found a recipe for a cocoa and marzipan cake on Technicolor kitchen and I have decided to use it to make this cake. I have slightly adapted it and I am very pleased with the result!

torta con pere intere

For the poached pears:

  • 3 medium size pears, I used conference because they are delicious for baking
  • water to cover them, I used 1 liter
  • 25% sugar, I used 250 g.
  • you can add spices or flavours, like citrus peel, I didn’t because I figured out there was enough different flavours! 🙂

Start by taking the core out with the specific tool (the round one, the same that you use to make melon pearls!) from the bottom of the pears. What you want is to change their shape as little as possible. Now peel them and then bring them to boil and cook for about 10 minutes. Tip: boil the water in the kettle first, it will go much faster and it will be easier to avoid overcooking the pears!

For 1 loaf cake:

  • 200 g.  almond paste
  • 200 g. sugar (reduce the quantity, if using marzipan instead than almond paste, as it is sweeter)
  • 220 g. butter
  • 220 g. eggs
  • 4 g. salt
  • 210 g. all purpose flour
  • 45 g. bitter cocoa powder
  • 5 g. baking powder
  • vanilla powder (from the beans, not the chemical white powder! )
  • 120 g. milk
  • sliced almonds, to decorate
  • icing sugar, to decorate

cocoa cake with whole pears

Start with all the ingredients at room temperature.

Prepare the tin by greasing it with butter and dusting it with flour, then turn on the oven and 180 °C.

In a food processor or in a blender combine sugar and almond paste, mix until there are no big pieces of almond paste left. Then mix to the butter and salt and whip with a whisk until nice and airy (if you used the food processor, you can directly add the butter in, it works. The blender though, doesn’t. If you have a mixer, just use the paddle tool for the whole thing.)

Add the eggs a little bit at the time and keep whisking. Then add the flour, cocoa, baking powder and vanilla and mix just until you have a smooth mix. Do not over mix the flour. Add the milk at the end.

Pour a little bit of cake mix on the bottom of the tin, about 2 cm. thick. Place the pears over the mix, I put them straight in a line but you can put them however you want them. Now, if you have it, add the rest of the cake batter with a piping bag, if you don’t have or don’t know how to use a piping bag, do it with a spoon making sure that you reach everywhere.

Sprinkle the almonds on the top and bake for about 1 and half hours, making sure the cake doesn’t get too dark on the top, if it does, lower the temperature of the oven to 160. Always check with a tooth pick that the cake is dry inside before removing it from the oven, consider that the pears will release their juice, so insert the tooth pick far from the pears 😉

Let it cool completely in the tin and then carefully take it out. If you have troubles with it, just place it for a few seconds in hot water and it will help it to come out!

Now slice it and see…the pears are stuffed with cake! Pretty cool, uh?! 😀

torta con pere interecake with whole pears

Happy baking and happy autumnwinter!

“Veder cadere le foglie mi lacera dentro
soprattutto le foglie dei viali
Soprattutto se sono ippocastani
soprattutto se passano dei bimbi
soprattutto se il cielo è sereno
soprattutto se ho avuto, quel giorno,
una buona notizia
soprattutto se il cuore, quel giorno,
non mi fa male
soprattutto se credo, quel giorno,
che quella che amo mi ami
soprattutto se quel giorno
mi sento d’accordo
con gli uomini e con me stesso.
Veder cadere le foglie mi lacera dentro
soprattutto le foglie dei viali
dei viali d’ippocastani.”

Nazim Hikmet 

Bisogna essere amanti dell’inverno.

Specialmente se ci si è trasferiti in Svezia.

A me non piace, ma ho cominciato ad apprezzarne la bellezza da quando mi sono trasferita qui. L’autunno passa talmente veloce che non ho ancora capito se l’inverno poi, è già cominciato… fa freddo, ma le strade sono ancora piene di foglie gialle, rosse e arancioni e questo è davvero magico. Presto, tutto si tingerà di bianco. Così ho voluto cercare di preparare una torta che rappresentasse al meglio questa corta stagione, spero che ne percepiate l’atmosfera.

Ok, diciamo che l’inverno va bene, con torta e cioccolata calda. Affare fatto?!

Qualche tempo fa ho trovato una ricetta di  Technicolor kitchen per una torta con cacao e marzapane e ho deciso di utilizzarla per questo dolce. L’ho leggermente modificata e sono molto contenta del risultato!

torta con pere intere

Per le pere :

  • 3 pere di media dimensione, io usato le conference perché sono deliziose per i dolci!
  • acqua a coprire, io ne ho usata 1 litro
  • 25% zucchero, io ne ho usati 250 g.
  • potete anche aggiungere spezie o aromi, per esempio la scorza degli agrumi. Io non l’ho fatto perchè questa torta ha già molti sapori diversi!

Cominciate togliendo il torsolo della pera con l’apposito utensile (non so se avete presente quello che si usa anche per fare le perle di melone!) partite dal basso- l’idea è quella di togliere il centro cercando di mantenere la forma il più intatta possibile. Pelate poi le pere e portatele a bollore con l’acqua e lo zucchero. Cuocetele per circa 10 minuti. Consiglio: partite già da acqua bollente, farete molto prima ed eviterete di scuocere le pere!

Per una torta in uno stampo da plum cake:

  • 200 g.  pasta di mandorle
  • 200 g. zucchero (riducete la quantità se usate il marzapane al posto della pasta di mandorle, perché è più dolce)
  • 220 g. burro
  • 220 g. uova
  • 4 g. sale
  • 210 g. farina 00
  • 45 g. cacao amaro
  • 5 g. baking powder
  • polvere di vaniglia (realizzata tritando bacche secche!)
  • 120 g. latte
  • mandorle filettate, per decorare
  • zucchero a velo

torta con pere intere

Cominciate con tutti gli ingredienti a temperatura ambiente.

Preparate lo stampo, imburratelo e infarinateo, eliminado la farina in eccesso. Scaldate il forno a 180 °C.

In un food processor (robot da cucina) o frullatore frullate lo zucchero con la pasta di mandorle, fino a che non ci siano più grossi pezzi di pasta. Se avete usato un robot da cucina, aggiungete direttamente il burro e il sale e montate fino ad ottenere un composto bianco e morbido, nel frullatore invece non funziona. Se avete una planetaria invece,  usate la foglia dall’inizio alla fine del procedimento. Aggiungete le uova poco alla volta continuando a montare. Ora aggiungete i restanti ingredienti e mescolate fino a che siano ben incorporati. Fate attenzione a non mescolare più del necessario. Aggiungete per ultimo il latte.

Versate un poco di impasto sul fondo dello stampo, circa due centimetri. Aggiungete le pere, io le ho messe dritte in fila, ma potete anche scegliere un’altra posizione. Poi con l’aiuto di un sac à poche aggiungere il restante impasto intorno alle pere. Se volete potete farlo anche con un cucchiaio, facendo attenzione a riempire per bene tutto lo stampo!

Cospargete di mandorle filettate e infornate per circa un’ora e mezza, facendo comunque la prova stecchino prima di sfornare. Se il dolce dovesse prendere troppo colore in forno, abbassate la temperatura a 160. Abbiate cura di fare la prova stecchino lontano dalle pere, che rilasceranno molto succo! 😉

Lasciate raffreddare completamente prima di sformare, e se doveste avere problemi immergete il fondo dello stampo in acqua calda per pochi minuti, sarà più facile staccare il dolce.

Provate a tagliarlo e vedrete….che le pere sono ripiene di torta! Bello, no?! 😀torta con pere intere

torta con pere intere

Buona merenda e buon autunnoinverno!

Ricotta (and grandma) mon amour

[scorrete in basso per la versione in italiano]

I’m actually not a big fan of baked cheesecake, I prefer the fresh, creamy taste of the raw version, especially if topped with some sort of sour fruit  …(you got it, I’m the only pastry chef in the world that prefers sour rather than sweet taste 😉 ) .

But, guess what: in Italy,we have our own kind of baked cheesecake..and that one, I LOVE.

This is a classic grandma’s recipe that will never disappoint you when you crave something sweet, which in my case is basically all the time. And because ricotta is actually a pretty low fat cheese, we can even pretend that it’s healthy! Well, now tell me that this is not a win-win situation! 

Because it is supposed to be light, I like to add some chocolate to it, (I don’t want to go TOO healthy after all), but if chocolate is not your thing, although I doubt we can ever be friends (LOL-kidding), you can just use lemon or orange zest…or even candied fruit can work really well.

I use real chocolate, and not chocolate chips, because it stays gooey even when the cake gets cold, because I like big chunks of it and it tends to be less sweet (again..), but it’s your choice!

Ok, time for the recipe!

Ingredients:

  • 500 gr. ricotta cheese
  • 250 gr. sugar
  • 4 eggs
  • the grains of 2 vanilla beans, or a teaspoon real vanilla powder (the black stuff)
  • the zest of 1 big lemon
  • 170 gr. milk *
  • 150/200 gr. roughly chopped chocolate (I initially weighed 200 gr. but I think I ate about 50 gr. by the time I cut it all…)
  • 1 full teaspoon baking powder
  • 250 gr. plain flour
  • a pinch of salt

Method:

Start by lining a 20 cm. cake tin with baking paper.

Always remember that, for cakes, the ingredients always work best at room temperature.

In this case, I didn’t leave the ricotta out of the fridge for too long, but I did make sure that all the rest of the ingredients were at room temperature.

In a big bowl, mix the ricotta with the sugar, the vanilla, the lemon zest and the salt.

If you are using vanilla beans, scrape the grains and mix them with the cheese, then infuse the beans in the milk, filter and cool down to room temperature.

Add the eggs one at the time, mixing with a whisk. Add the milk and the flour sifted together with the baking powder.

Pour into the tin and bake at 180°C for about 1 hour. If you see that the surface gets too dark, turn the temperature down to 160°C.

Check that a tooth pick comes out clean when inserted in the centre of the cake.

Leave to cool before cutting. If you cut it while still hot (like I did, no need to tell) you will see that the cake will be very dense at the bottom, just like this:

It is still good, but it definitely gets a more uniform consistency when it cools down. I think the best moment to enjoy it, it’s when it is just warm, and the chocolate is still creamy……oh YUM!

What I like about this cake is that it has got a quite weird consistency due to the high quantity of cheese compared to the amount of flour. It is really moist and  extremely easy to eat.

It is also ideal to prepare individual size fondants, with a creamy  chocolate or fruit heart….but that is another story!

Enjoy and happy baking!

*the amount of milk may vary a little, depending on the ricotta cheese that you have used!

Non sono una grande fan della cheesecake cotta, preferisco il sapore fresco e cremoso di quella cruda, soprattutto se accompagnata da un bel frutto acido …(avete capito bene, sono probabilmente l’unica pasticciera al mondo che preferisce i sapori acidi a quelli dolci 😉 ) .

Ma, pensate un po’, anche noi in Italia abbiamo la nostra versione della cheesecake al forno….e quella, mi piace UN SACCO.

Questa è la classica ricetta della nonna, che non delude mai quando si ha voglia di qualcosa di dolce (nel mio caso quindi, quasi sempre). Oltretutto, la ricotta è un formaggio piuttosto magro, quindi possiamo perfino far finta che questo sia un dolce light! Ora ditemi che non è una situazione vincente sotto tutti i punti di vista!

Visto che dovrebbe essere leggera,ho aggiunto un po’ di cioccolato all’impasto (leggera si, dietetica MAI), ma se il cioccolato non fa per voi, anche se dubito che potremo mai essere amici (LOL-scherzo!) potete usare delle scorze di limone o arancia oppure anche dei canditi vanno benissimo.

Io ho usato una vera tavoletta di cioccolato, perchè trovo più gradevole la consistenza anche quando è freddo rispetto alle gocce di cioccolato, perchè mi piacciono i pezzettoni grandi e perchè lo trovo meno dolce (di nuovo….) ma a voi la scelta!

Ok, passiamo alla ricetta!

Ingredienti:

  • 500 gr. ricotta
  • 250 gr. zucchero
  • 4 uova
  • i grani di 2 bacche di vaniglia oppure un cucchiaino di vaniglia in polvere (quella nera, non la vanillina!)
  • le zeste di un limone
  • 170 gr. latte*
  • 150/200 gr. cioccolato tagliato grosso (ne ho inizialmente pesato 200 gr. ma credo di averne mangiato più o meno 50 gr. mentre lo tagliavo)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 250 gr.farina 00
  • un pizzico di sale

Metodo:

Preparate una tortiera di 20 cm di diametro foderandola con carta da forno.

Ricordate sempre che gli ingredienti, quando parliamo di torte, funzionano sempre meglio a temperatura ambiente.

In questo caso, ho evitato di lasciare la ricotta fuori dal frigo per troppo tempo, ma mi sono assicurata che tutti gli altri ingredienti fossero a temperatura ambiente.

In una ciotola, mescolate la ricotta con lo zucchero, gli aromi ed il sale. Se avete deciso di utilizzare delle bacche di vaniglia, unite i grani alla ricotta, e mettete in infusione le bacche nel latte, poi filtrate e fate raffreddare a temperatura ambiente.

Aggiungete le uova, una alla volta, e poi la farina setacciata insieme al lievito.

Versate nella tortiera e infornate a 180°C per un’ora. Se vedete che la superficie si scurisce troppo durante la cottura, abbassate il forno a 160°C.

Controllate che un stuzzicadenti esca pulito ed asciutto se inserito al centro della torta.

Fate raffreddare prima di tagliare. Se la tagliate quando è ancora calda (come ho fatto io, chiaramente), vedrete che sul fondo sarà molto densa.

Va comunque bene, ma la struttura diventa più uniforme quando si fredda. Il momento migliore per mangiarla, secondo me, è da tiepida, quando il cioccolato all’interno è ancora cremoso.

Quello che mi piace molto di questa torta è la consistenza particolare, data dalla grande quantità di formaggio rispetto alla farina. E’ molto umida e veramente facile da mangiare.

E’ anche ideale per preparare delle mono porzioni con il cuore fondente di cioccolato o frutta…ma questo è un altro capitolo!

Buon appetito e happy baking!

*la quantità di latte puo’ variare leggemente a seconda della ricotta che utilizzerete!

Pumpkin and spice bread

[scorrete in basso per la versione in italiano]

This is a recipe I’ve originally posted for Thanksgiving in America, so I thought it was a good chance to post a  recipe with pumpkin, but (here at least) it’s still the cold season, so I think these flavours are just great!

So this is the recipe to make a delicious pumpkin and spice bread. It makes 2 loafs of 22 x 12 cm, but of course you could think of making smaller or bigger ones just by dividing or multiply the quantities.

Ingredients:

-240 gr. eggs

-500 gr. sugar

-110 gr. canola oil

-420 gr. flour

-8 gr.  baking powder

-8 gr. baking soda

-6 gr . ground cinnamon

-3 gr. ( or a teaspoon) ground nutmeg

-3 gr. ground cloves

-3 gr. all spice

-the grains of 1 vanilla bean

-3 gr. salt

-500 gr. pumpkin puree

-160 gr. water

Process:

Don’t get scared by all the ingredients, this is actually really easy to make! In a big bowl, mix the eggs with the vanilla, the sugar and the oil.

On a side, sift together all the dry ingredients and add the salt. Pour on the egg mix and mix with a wooden spoon until combined. Then add the puree and the water and mix until smooth.

Pour into the tins, greased and dusted with flour.

Cook in a pre-heated oven at 180° C for 1 hour and 15 minutes carefully lowering the temperature of the oven if the cake gets too brown.

Happy baking!

Questa è una ricetta che ho inizialmente condiviso per il giorno del ringraziamento in America, quando la zucca è d’obbligo, ma questi sono comunque sapori molto adatti alla stagione invernale, così ve lo ripropongo.

Questa ricetta è per 2 stampi da plum cake da 22 cm x 12 cm.

Ovviamente, potete realizzarne di più piccolini, o di più grandi, semplicemente dividendo o moltiplicando le dosi.

Ingredienti

-240 gr. uova intere

-500 gr. zucchero semolato

-110 gr. olio di semi

-420 gr. farina

-8 gr.  baking powder *

-8 gr. bicarbonato

-6 gr . cannella in polvere

-3 gr. ( oppure un cucchiaino raso) di noce moscata in polvere

-stessa quantità di chiodi di garofano in polvere

-stessa quantità di all spice **

-i grani di 1 bacca di vaniglia

-3 gr. di sale

-500 gr. di purea di zucca

-160 gr. di acqua

Procedimento

Non fatevi intimorire da tutti questi ingredienti, il procedimento è facilissimo! Mescolate insieme in una ciotola capiente le uova, lo zucchero, la vaniglia e l’olio.

A parte, setacciate insieme tutti gli ingredienti secchi e aggiungete il sale.

Unite al composto di uova e mescolate con un cucchiaio di legno, oppure se preferite, in planetaria, usando la foglia, a velocità bassa. Infine aggiungete la purea di zucca e l’acqua mescolando fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Versate negli stampi precedentemente imburrati e infarinati.

Infornate in forno pre-riscaldato a 180° C per 1 ora e 15 minuti, abbassando regolarmente la temperatura del forno man mano che il dolce prende colore.

Note

*Vi consiglio di procurarvi il baking powder, soprattutto se siete appassionati di dolci di provenienza anglosassone o americana. Il lievito chimico comunemente utilizzato in italia non funziona allo stesso modo, si attiva a contatto con l’umido, a differenza del baking powder che si attiva in parte per umidità e in parte per temperatura. Questo ci consente, per esempio, di lasciar riposare in frigo gli impasti prima di cuocerli per un’intera notte, ottenendo così un prodotto molto più saporito. Oltretutto il baking powder ha un potere lievitante 3 volte maggiore rispetto al comune lievito chimico. Provate a cercarlo nei negozi specializzati oppure su internet. Se proprio non riuscite a trovarlo, realizzatelo in casa, unendo in parti uguali bicarbonato e cremor tartaro. In alternativa, utilizzate la farina auto lievitante per torte che si trova comunemente sugli scaffali del supermercato, oppure  aumentate di 3 volte la quantità di lievito, ma rischierete di sentirne il sapore in bocca!

** La all spice ha un nome che puo’ trarre in inganno. In realtà non si tratta di un mix di spezie ma di una spezia sola, il cosiddetto pepe giamaicano.

Se non riuscite a reperirlo, provate a realizzare un mix di spezie in polvere quali zenzero, anice stellato, noce moscata, chiodi di garofano e cannella…giocate un po’ con le spezie fino ad ottenere un prodotto di vostro gradimento.

Happy baking!

White chocolate mud cake

[scorrete in basso per la versione in italiano]

This is a recipe from Planet Cake, Australia. I find this cake really delicious, moist, delicate and not too sweet. I very often use it as a base for my cakes and I really recommend it to you!

Ingredients:

  • 300 gr butter
  • 270 gr water
  • 300 gr white chocolate
  • 400 gr sugar
  • 150 self-raising flour
  • 300 gr plain flour
  • 3 eggs
  • salt
  • vanilla

DSCN2692

Method:

Prepare a 9″ cake tin, greasing it and lining it with baking paper.

Melt the butter on the stove with the water and the salt. Then, away from the heat, add the chocolate.

MIx all the dry ingredients in a bowl. Make awell in the centre and one by one add the rest of the ingredients, including the chocolate mixture.

Pour the mix in the cake tin and bake at 150 degrees Celsius until a skewer comes out clean and dry when inserted in the middle.

Happy baking! :)

Questa e’ una ricetta di Planet Cake, Australia. Mi piace molto, e’ morbida, delicata e non troppo dolce. La uso molto spesso come base per le mie torte e ve la consiglio!

Ingredienti:

  • 300 gr burro
  • 270 gr acqua
  • 300 gr cioccolato bianco
  • 400 gr zucchero
  • 150 farina con lievito oppure tipo 00 + un cucchiaino di baking powder*
  • 300 g farina 00
  • 3 uova
  • sale
  • vaniglia

Procedimento:

Preparate una teglia da 9 pollici (circa 24 cm), ungendola e foderandola di carta da forno, avendo l’accortezza di tagliarla, sui lati, qualche centimetro più alta del bordo della tortiera.

In un pentolino, fondete il burro con l’acqua ed il pizzico di sale, senza portare a bollore. Lontano dal fuoco aggiungete il cioccolato.

In una ciotola mescolate insieme tutti gli ingredienti secchi ed aggiungete via via tutti gli altri ingredienti, compreso il mix con il cioccolato.

Versate nella tortiera e infornate a 150 gradi.

Note

*Vi consiglio di procurarvi il baking powder, soprattutto se siete appassionati di dolci di provenienza anglosassone o americana. Il lievito chimico comunemente utilizzato in italia non funziona allo stesso modo, si attiva a contatto con l’umido, a differenza del baking powder che si attiva in parte per umidità e in parte per temperatura. Questo ci consente, per esempio, di lasciar riposare in frigo gli impasti prima di cuocerli per un’intera notte, ottenendo così un prodotto molto più saporito. Oltretutto il baking powder ha un potere lievitante 3 volte maggiore rispetto al comune lievito chimico. Provate a cercarlo nei negozi specializzati oppure su internet. Se proprio non riuscite a trovarlo, realizzatelo da soli unendo in parti uguali bicarbonato e cremor tartaro. In alternativa utilizzate la farina auto lievitante per torte che si trova comunemente sugli scaffali del supermercato, oppure  aumentate di 3 volte la quantità di lievito, ma rischierete di sentirne il sapore in bocca!

Happy baking! :)