Easy and delicious Christmas biscuits

[Scorrete in basso per la versione in Italiano]

sables

I made these biscuits for a Christmas present the other day. I wrapped them in a nice paper and added a lovely white and red string and they were absolutely adorable. Unfortunately I had this idea at the last second, so I was late for my appointment and I didn’t manage to take a photo of them all nicely wrapped, but this made me think that some of you might need a last second idea for Christmas, so I have decided to share the recipe! They are sablés with spices and I also dipped the edges in dark chocolate. Including the dipping it took me about 1 hour to make them, so hands on! 🙂

Christmas spice Sablés (french shortbread biscuits)
Makes about 30 biscuits

  • 300 g flour
  • 150 g very cold butter
  • 150 g icing sugar
  • 2 egg
  • 1 pinch of salt
  • 2 teaspoon cinnamon powder
  • 1 teaspoon ginger powder
  • 1 teaspoon all spice
  • 1 teaspoon of orange zest, finely grated
  • 1 teaspoon cardamom powder
  • 1/2 teaspoon bicarb

Method:

Place all the dry ingredients in a bowl, then add the butter cut in little cubes. Using the tips of your fingers, mix the butter with the dry ingredients until you have a sand textured dough. Then add the egg and mix just until it all comes together. The dough will be really soft..Don’t panic! Just place it between to sheets of baking paper and flatten it a little. Put it in the freezer for about 10 minutes and in the mean time heat the oven to 190 °C . Take the dough out and roll it out between the sheets of baking paper until it is about half cm. thick. Cut it, dipping the cutter in flour every now and again but just leave the biscuits where they are!! As the dough is super super soft, for now just cut all of the biscuits but leave them were they are, then place everything back in the freezer for another 10/15 minutes. Then just flip the baking paper upside down and take off the paper. Separate the biscuits, get rid of the excess (knead it again and start all over again, if you have a lot) and place them on a tray on baking paper. I used a cookie stamp but to be honest they tend to rise a little in the oven, so it was barely noticeable once the biscuits were cooked! Bake for about 10 minutes of until gold on the bottom.

If you want, melt some chocolate on a bain-marie, take the cookie from the center and roll it dipping the edges on chocolate. Place them for a couple of minutes in the freezer and the job is done!

Of course tempered chocolate would be perfect, but to be honest, I kept it rustic and simple and I was really pleased with the result.  I wish you a wonderful Christmas and I can’t wait to share all my holiday adventures with you!

sables

Giorni fa ho avuto bisogno di preparare un regalo di Natale dell’ultimo secondo….Ho fatto questi biscottini e li ho incartati con carta da regalo e uno spago rosso e bianco, ed è venuto fuori un regalino adorabile! Purtroppo ci ho pensato solo all’ultimo minuto quindi ero in ritardo per il mio appuntamento e non ho fatto in tempo a fotografarli cotti e incartati, ma mi è venuto in mente che forse fra di voi c’è chi avrà bisogno di un’idea dell’ultimo minuto e quindi ho deciso di condividere questa ricetta! Sono dei sablés alle spezie. Io ho glassato i bordi con cioccolato fondente, e in totale ci ho messo più o meno un’ora, quindi all’opera! 🙂

Sablés alle spezie di Natale

Ricetta per circa 30 biscotti

  • 300 g farina
  • 150 g burro molto freddo
  • 150 g zucchero a velo
  • 2 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiaini cannella in polvere
  • 1 cucchiaino zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino all spice (pepe giamaicano…se non lo trovate aumentate leggermente la quantità delle altre spezie)
  • 1 cucchiaino di scorza di arancia grattugiata
  • 1 cucchiaino cardamomo in polvere
  • 1/2 cucchiaino bicarbonato

Metodo

Mescolate tutti gli ingredienti secchi in una ciotola. Aggiungete il burro freddo tagliato a cubetti e lavorate con la punta delle dita fino ad ottenere un impasto sabbioso. Aggiungete quindi l’uovo e mescolate fino ad incorporarlo. L’impasto sarà molto morbido. Mettetelo fra due fogli di carta da forno e schiacciatelo un poco con le mani. Poi ponetelo in freezer per una decina di minuti. Dopo di che stendetelo fra i due fogli di carta da forno con il matterello fino ad uno spessore di mezzo centimetro. Tagliate le forme con un coppa pasta ma lasciate i biscotti dove sono. Mettete di nuovo tutto nel freezer per 10-15 minuti e nel frattempo scaldate il forno a 190°C. Quando l’impasto sarà ben freddo, girate il foglio di carta sotto sopra. Staccate i biscotti, togliete gli scarti (impastateli di nuovo e ricominciate! ) e sistemateli su una teglia con carta da forno. Io ho usato il timbro per biscotti ma sinceramente questo impasto tende a gonfiarsi in forno e la scritta si notava appena una volta cotti! Cuocete per circa 10 minuti o finché non saranno dorati alla base.  Se volete, sciogliete del cioccolato a bagno maria, poi prendete i biscotti tenendoli al centro e ruotateli coprendo i bordi di cioccolato. Metteteli un paio di minuti in freezer e il gioco è fatto!

Chiaramente sarebbe perfetto utilizzare del cioccolato temperato, ma io ho fatto le cose in modo rustico e semplice e sono molto contenta del risultato! 🙂 Non vedo l’ora di raccontarvi le mie avventure degli ultimi giorni, intanto vi auguro un felice Natale!

Lussekatter – flavours of Christmas in Sweden

“Now ‘neath the silver moon Ocean is glowing,
O’er the calm billows, soft winds are blowing.
Here balmy breezes blow, pure joys invite us,
And as we gently row, all things delight us.
Hark, how the sailor’s cry joyously echoes nigh:
Santa Lucia, Santa Lucia!
Home of fair Poesy, realm of pure harmony,
Santa Lucia, Santa Lucia!” 

[scorrete in basso per la versione in italiano]

lussekatter

I never liked Christmas. I was like the grinch in a sea of Santas. But here in Sweden the atmosphere is really magic and eventually quite contagious….I’ve been living here for 1 year only and I’m totally in love with all things Christmas now! 🙂

Before Christmas comes St. Lucy on the 13rd December and the celebrations for this day are very popular. The traditions are various, but I go directly to the one I love the most: FOOD. You can find lussekatter everywhere here, but the homemade ones are way better. So here is a great recipe for you all, enjoy a little bit of the Swedish Christmas anywhere you are!

lussekatter

Lussekatter {sweet saffron buns}
From Call me cupcake 

makes about 30 small buns.

  • 12 g. dehydrated yeast (or 50 g. fresh)
  • 1 g. saffron
  • 800 g. flour
  • 200 g. butter
  • 300 g. milk
  • 180 g. sugar
  • 3 g. salt
  • 1 egg
  • 200 gr. cream
  • a handful of raisins (I soaked them in Tio Pepe wine)
  • the zest of 1/2 orange, finely grated (this is unconventional, but I really think it works perfectly in the recipe!)

one egg and a dash of cream or milk to brush.

Start by soaking the raisins, if you want to. Melt the butter with the saffron, then add the milk and cream and check the temperature, you need it at about 30 °C. If you don’t have a thermometer, just wait until it’s room temperature. Sprinkle the yeast in a big bowl and add the milk+butter mix. Add the sugar, the egg and part of the flour. Mix and then add the salt. Add the rest of the flour and knead. You will see that the dough it’s really moist and fat, so I find it easier to knead it directly in the bowl, to avoid adding too much flour. Leave to proof until doubled in size covered with loose cling film.

Then pour it on a surface dusted with flour and knead really quickly, don’t over-knead it or it will get elastic and you will need to leave it to rest again before you can shape it. Make little S shaped buns and leave them to proof again on a tray lined with baking paper, remembering to leave some space between a bun and the other, as they will grow!

Once they are puffy (about 30-45 mins) decorate them with 2 raisins, brush them with the egg and cream and bake them in the middle of the oven at 220 °C for about 10 minutes or until golden underneath.

Remember to freeze immediately the ones you don’t want to eat as they dry out very quickly. I recommend you try them with a cup of hot chocolate, for me is the best combination!

TIP: you can use this dough to make an edible gift like this.

I wish you all a lovely Christmas!

lussekatter

“Sul mare luccica l’astro d’argento.
Placida è l’onda, prospero è il vento.
Venite all’agile barchetta mia,
Santa Lucia! Santa Lucia!
Con questo zeffiro, così soave,
Oh, com’è bello star sulla nave!
Su passegieri, venite via!
Santa Lucia! Santa Lucia!
In fra le tende, bandir la cena
In una sera così serena,
Chi non dimanda, chi non desia.
Santa Lucia! Santa Lucia!
Mare sì placida, vento sì caro,
Scordar fa i triboli al marinaro,
E va gridando con allegria,
Santa Lucia! Santa Lucia!”

lussekatter

Devo ammettere che il Natale non mi è mai piaciuto. Ma qui in Svezia l’atmosfera è davvero magica e a questo punto direi anche contagiosa, visto che vivo qui da poco più di anno e già ho cambiato idea, adoro tutto ciò che è natalizio! 🙂

Prima di Natale però c’è la festa di Santa Lucia, il 13 dicembre e le celebrazioni per questa festa qui sono davvero popolari. Le tradizioni sono tante ma io passo direttamente a quella che mi interessa di più: IL CIBO. In questi giorni si vedono Lussekatter ovunque, ma quelli fatti a casa sono tutta un’altra cosa. Così eccovene una ricetta fantastica, perché possiate assaporare un po’ del Natale svedese ovunque voi siate!

lussekatter

Lussekatter {panini dolci allo zafferano}
da Call me cupcake 

ricetta per circa 30 panini di dimensione medio-piccola

  • 12 g. lievito di birra disidratato (oppure 50 g. di lievito di birra fresco)
  • 1 g. zafferano
  • 800 g. farina
  • 200 g. burro
  • 300 g. latte
  • 180 g. zucchero
  • 3 g. sale
  • 1 uovo
  • 200 gr. panna
  • una manciata di uva passa (la mia ammollata in Tio Pepe)
  • la scorza di mezza arancia grattugiata finemente (la ricetta originale non la prevede, ma secondo me ci sta benissimo!)

un uovo e un goccio di panna o latte per dorare.

Cominciate mettendo a bagno l’uvetta, se avete deciso di farlo. Fondete il burro con lo zafferano e poi aggiungete il latte e la panna. Controllate la temperatura: dovrete utilizzarlo a 30° C circa. Se non avete un termometro aspettate ed utilizzate il composto a temperatura ambiente. Disponete il lievito in una ciotola capiente e versatevi il composto di latte e burro. Aggiungete o zucchero, l’uovo e un poco di farina e mescolate. Aggiungete il sale e la restnte farina e lavorate fino ad ottenere un impasto liscio. Noterete che l’impasto è molto umido e grasso, quindi io ho l’abitudine di lavorarlo direttamente nella ciotola per evitare di dover aggiungere troppa farina. Copritelo con della pellicola a contatto con la superficie della pasta e lasciatelo lievitare fino al radoppio della dimensione. A questo punto rovesciatelo su una superficie infarinata e lavoratelo velocemente, evitate di lavorarlo in eccesso o la pasta diventerà elastica e sarà necessario farla riposare di nuovo prima di poter formare i panini. Formate dei panini a forma di S e disponeteli su una placca coperta di carta da forno, ben distanziati l’uno dall’altro. Una volta lievitati (ci vorranno all’incirca 30-40 minuti), spennellateli con l’uovo mescolato alla panna e decorateli con 2 uvette per panino.

Informate a 220°C per circa 10 minuti o comunque fino a che siano ben dorati alla base.

Ricordatevi di congelare immediatamente quelli che non vorrete consumare subito dato che si seccano velocemente. Io vi consiglio di provarli con una tazza di cioccolata calda, per me è la combinazione perfetta!

PS: potete utilizzare questa ricetta per realizzare dei regalini come questo

Vi auguro un fantastico Natale!

Un crumble per due…anzi per Bloggalline

[scroll down for the english version]

Questo è un dolce casalingo, senza pretese. All’apparenza semplice, anzi, imperfetto. E’ un dolce che se ne frega dell’aspetto esteriore, lui il buono ce l’ha dentro. Al primo morso, rivela tanti sapori diversi ma ben abbinati l’uno con l’altro, tutti delicati, nessuno troppo invadente. E’ il classico comfort food, quello che mangi a cucchiaiate sul divano di casa tua, in pigiama, senza pensieri. Quel dolce che non pensavi, ma è proprio, semplicemente, buonissimo.

Questo dolce ho voluto preparare per descrivere ciò che Bloggalline significa per me, dopo la serata del 2 ottobre a Milano.

E siccome quello dei dolci è il linguaggio che mi si addice di più, non so descriverlo con altre parole.

Del resto non importa, perchè so che loro capiranno.

CRUMBLE DI PERE CONFERENCE (in tegamino deluxe)

Dose per due persone.

Crumble di pere

INGREDIENTI PER IL RIPIENO:

  • 300 gr di pere confrence, sbucciate e tagliate a pezzettoni
  • 15 gr. zucchero di canna
  • i semi di una bacca di vaniglia
  • un pizzico di scorza di arancia

PER IL CRUMBLE

  • 60 gr. burro
  • 90 gr. farina
  • 15 gr. cocco rapé
  • 50 gr. zucchero di canna
  • (i filamenti più grandi dell’interno della bacca di vaniglia, se ce ne sono)
  • un pizzico di sale

PER LA CREMA 

  • 70 gr. panna (più un goccio per ammorbidire il mascarpone)
  • 30 gr. mascarpone
  • 10 gr. zucchero a velo

Preriscaldate il forno a 180° C. In una ciotola, mescolate delicatamente le pere con gli aromi e lasciate da parte.

Preparate il crumble, versando in una ciotola la farina, il cocco, lo zucchero, il sale e la vaniglia. Aggiungete il burro freddo di frigo tagliato a cubetti e cominciate a lavorare con la punta delle dita fino ad ottenere delle grosse briciole. Versate le pere sul fondo di una piccola pirofila, poi distribuite il crumble fino a coprirle tutte, in questo modo:

Pear crumble

e infornate per una quindicina di minuti, o finchè non raggiunga il bel colore dorato. Controllate che le pere siano ben morbide prima di sfornare.

Intanto, preparate la crema. Ammorbidite il mascarpone con un goccio di panna liquida e incorporateci il resto della panna semi montata con l’aiuto di una spatola, cercando di mescolare il meno possibile per evitare che la crema si separi. Questo accade per via dell’alto contenuto di grassi del mascarpone, quindi mescolatelo sempre il meno possibile.

Quando il crumble è ben dorato, sfornate, guarnitelo con una bella cucchiaiata di crema e ……godetevelo! 🙂

Nota: Grazie a Pentole Agnelli per questo meraviglioso tegamino che adoro e conserverò con cura e amore!

This is a home style dessert. It is simple, imperfect, not really pretty..it is just plain and simple GOOD comfort food. So make it, put your pyjamas on, grab a spoon and eat it on the couch, while watching a movie with your other half of the apple, with a friend, or whoever makes you happy!

CONFERENCE PEAR CRUBLE (recipe for 2 people)

Crumble di pere

For the filling:

  • 300 gr conference pears, peeled and cut in chunky pieces
  • 15 gr. brown sugar
  • the seeds of 1 vanilla pod
  • a pinch of orange zest, finely grated

For the crumble:

  • 60 gr. butter
  • 90 gr. all purpose flour
  • 15 gr. grated coconut
  • 50 gr. brown sugar
  • a pinch of salt
  • put in also the bigger bits that come off when you scrape the vanilla pod 🙂

For the cream:

  • 70 gr. soft whipped cream (plus a little to make the mascarpone soft)Pear crumble
  • 30 gr. mascarpone cheese
  • 10 gr.icing sugar

Preheat the oven at 180° C. In a bowl, mix delicately the pears with the sugar and spices and leave on a side.

Prepare the crumble by mixing all the dry ingredients in a bowl, then add the butter very cold and cut into cubes and start mixing using only the tip of your fingers, until you get a crumbly mix. Pour the pears on a small oven dish a cover them with the crumble.

Bake for about 15 minutes or until nice and gold colour. Always check that the pears are soft before removing it from the oven.

In the mean time make the cream. Soften the mascarpone up with some liquid cream and then mix to the whipped cream, using a spatula. Try mixing the mascarpone as little as possible, to avoid splitting the cream. This tends to happen with mascarpone cheese, due to its high fat content, so always stir it as little as possible.

Scoop a generous amount of cream on your crumble and dig in!

Happy baking! 🙂

Summer: best served cold

[scroll down for the english version]

Come molti di voi già sanno, io sono un’italiana giramondo.

Giramondo si, ma affezionata ai sapori della mia tradizione, delle mie radici, dei ricordi. Alle ricette delle mie nonne, ai profumi che mi riportano indietro nel tempo e mi fanno commuovere.

In occasione dell’evento «La Cucina Italiana nel Mondo verso l’Expo 2015» promosso da INformaCIBO, le mie amate Bloggalline organizzano il loro primo contest, e io non posso esimermi dal partecipare in quanto non solo Bloggallina, ma anche pasticciera-italiana all’estero-nostalgica cronica dei piatti di casa mia.

Con la ricetta che vi propongo oggi, realizzata nel rispetto della tradizione dei sapori della mia regione, della mia città, e nello specifico proprio di casa mia, partecipo al contest : “La Cucina Italiana nel Mondo verso l’Expo 2015”, organizzato da Le Bloggalline in collaborazione con INformaCIBO, nelle categorie Il gelato nel piatto Dolce Italia.

banner

UN GELATO VECCHIO-NUOVO:

Gelato alla ricotta di pecora, con amarene e crumble al timo

12 text.jpg

Se penso ad una combinazione di sapori tipica di casa mia, la prima cosa che mi viene in mente è ricotta e visciole.

La pianificazione e realizzazione di questo dessert hanno fatto riaffiorare  tantissimi ricordi della mia infanzia: mio nonno che viene a prendermi a scuola con un sacchettino di visciole raccolte da lui sulla via. Il sapore della ricotta appena fatta e ancora calda, in campagna. L’odore di erbe aromatiche nei giardini dei lotti della Garbatella.

Ecco come l’ho realizzato:

PER IL CRUMBLE:18.jpg

  • 200 gr. d farina 00
  • 200 gr. di burro non salato
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 80 gr. di zucchero di canna
  • timo q.b, grossolanamente tritato
  • fleur de sel q.b

Disponete la farina, il bicarbonato e lo zucchero in una ciotola. Aggiungete il burro freddo di frigo tagliato a pezzetti e lavorate con la punta delle dita fino ad ottenere un impasto sbriciolato. A questo punto aggiungete il timo e versate in una placca foderata di carta da forno. Distribuite in superficie un pizzico di fleur de sel e infornate a 170°C  fino a che l’impasto abbia assunto un bel colore dorato.

PER LE AMARENE SCIROPPATE:

Putroppo a Göteborg le Amarene Fabbri non si trovano. Non c’è proprio verso, le ho cercate dovunque! Alla fine mi sono decisa a prepararle da sola. Il risultato non è lo stesso, ma è comunque ottimo, specialmente se non c’è alternativa!

  • 350 gr. amarene denocciolate
  • 350 gr. zucchero
  • un goccio d’acqua
  • i semini di una bacca di vaniglia
  • volendo, si può aggiungere un goccio di kirsch

In un pentolino, fate scaldare leggermente le amarene. Aggiungete lo zucchero e la vaniglia, mescolate delicatamente e aggiungete un goccio d’acqua, ma non molta, in modo da ottenere uno sciroppo non troppo liquido. Portate appena a bollore e versate in un contenitore. Lasciate raffreddare e poi, se volete, aggiungete un goccio di kirsch.

9 def.jpg

PER IL GELATO ALLA RICOTTA:

Io ho realizzato anche la ricotta, perchè qui in Svezia è difficile da trovare (di buona qualità), come si fa? ve lo racconto nel prossimo post! 🙂

  • 450 gr. di latte
  • 100 gr. di uova intere
  • 100 gr. di zucchero
  • 180 gr. di ricotta di pecora (o vaccina, all’occorrenza)
  • un goccio di panna fresca, opzionale.

In un pentolino scaldate il latte e le uova, mescolando con una frusta. Raggiunti i 50°C aggiungete lo zucchero e portate ad una temperatura di 80°C. Versate il composto in una ciotola e aggiungete la ricotta previamente setacciata incorporandola con un frullatore ad immersione. Lasciate riposare in frigo per qualche ora e poi passate in gelatiera. Quando il vostro gelato è quasi pronto aggiungete un goccio di panna.

1def.jpg

MONTAGGIO:

Poco prima di servire, aggiungete del timo fresco al vostro cruble. Disponetene quanto basta sul fondo del piatto e aggiungete le amarene. Formate una quenelle di gelato con l’aiuto di un cucchiaio passato in acqua calda, e decorate con dello sciroppo e una foglionina di timo.

17.jpg

3.jpg

Buona estate!

With the occasion of a contest organized by my beloved Bloggalline for the Expo of the italian cuisine in the world, I have decided to propose you a dessert that has in within all the smells and flavours of my country, my city, and more specifically, my home.

While planning it and preparing it, so many memories came to my mind: my grampa, that brings me a little bag of sour cherries that he just picked along the way, when he picks me up from school. The taste of warm, just made ricotta, in the country. The smell of the herbs in the gardens of my neighbourhood.

This, is the essence of my past, with a modern twist.

1def.jpg

SHEEP RICOTTA ICE CREAM WITH SOUR CHERRIES IN SYRUP AND THYME CRUMBLE.

For the crumble:

18.jpg200 gr. d farina 00

  • 200 gr.un salted butter
  • 1 tsp. bicarb
  • 80 gr. brown sugar
  • thyme, roughly chopped
  • sea salt, to sprinkle

In a bowl, mix all the dry ingredients. Add the butter, cubed and very cold.

Mix with the tip of your fingers until you get the right consistency. Add the thyme and place in a tray lined with baking paper. Sprinkle with sea salt and bake a 170°C  until golden brown.

For the sour cherries in syrup

  • 350 gr. sour cherries
  • 350 gr. sugar
  • the grains of a vanilla bean
  • a dash of water
  • a little kirsch, optional

In a sauce pan, gently heat up the cherries. Add the sugar and the vanilla and stir delicately. Add a little water but not too much, otherwise you won’t get a nice thick syrup. Bring slightly to boil and let cool. Then, if you want, add the kirsch.

For the ice cream:

I made the ricotta at home, because in Sweden it is very hard to find (the good quality one). If you also have the same problem, stay tuned and I will tell you how it’s done! 🙂

  • 450 gr. milk
  • 100 gr. whole eggs
  • 100 gr. sugar
  • 180 gr. sheep ricotta (also cow works)
  • a dash of cream

Heat up the milk and the eggs, stirring with a whisk. When it gets to 50°C add the sugar and bring to a temperature of 80°C. Pour in a bowl, add the ricotta cheese, previously passed through a sieve and mix with a hand blender.

Let rest in the fridge for a few hours and the freeze in the ice cream maker. Just when it’s almost ready, add the dash of a cream.

17.jpg

PLATING UP:

First, add some extra fresh thyme to the crumble. Now place some on your plate, and add the cherries. Make a quenelle of ice cream using a spoon dipped in hot water. Decorate with some syrup and a thyme leaf.

Enjoy!

 

 

How to make almond milk: easy, healthy, good!

almonds with text.jpg

[scorrete in basso per la versione in italiano]

Do you know that you can actually make your own veggie drinks at home? Soy, oat or almond milks are quite expensive to buy and in my opinion nothing beats the homemade, as you can also choose exactly what to put into them.

I don’t trust industrial soy products too much, so I prefer to make my own almond milk. It’s very easy, all you need is:

-300 gr. almonds, skin on

-2-3 bitter almonds (you can do it without if you can’t find them, you will just get a milder flavour)

-1 l. hot water

-2-3 dates to sweeten – you can also use agave syrup, coconut sugar or even regular sugar, if that’s what you want. Of course, you can also omit this and don’t sweeten it at all 😉

Ok so, to peel the almond is the only time consuming thing of all the process, but peeled almonds don’t have a lot of flavour, so I really recommend you peel them yourself: if you boil them in water for a few minutes the skin will be very simple to remove.

Once your almonds are peeled, place them in a blender with enough water and mix finely. Now add the liter of hot water and let it set for a little bit…a couple of hours would be good. Then pass through a very fine strainer, a clean cloth or a coffee filter.

If you are in a rush, you can speed up the process by passing the pulp through the strainer, then mix it one more time and strain again.

Keep in the fridge for a few days. You can also freeze it.

Enjoy!

glass 3.jpg

 

Sapete che è facilissimo preparare il latte vegetale in casa?

Potete realizzarlo con avena, soia, nocciole, oppure come ho fatto io, con le mandorle!

Vi occorrono soltanto:

-300 gr. mandorle non pelate

-2 o 3 mandorle amare (se non le avete potete comunque realizzare il latte, ma otterrete un sapore più delicato!)

-1 litro di acqua bollente

-2 o 3 datteri per zuccherare (in alternativa potete usare sciroppo d’agave, zucchero di cocco o anche zucchero normale, se preferite. Oppure potete anche scegliere di non zuccherarlo!)

L’unico passaggio che richiede un po’ di tempo in tutto il processo è sbucciare le mandorle. Vi consiglio però di non comprarle già pelate perchè hanno pochissimo sapore..vi basterà sbollentare le mandorle in acqua per pochi minuti perchè sia veramente facile togliere la pelle.

Una volta spellate, frullatele con sufficiente acqua, aggiungete l’acqua bollente e lasciate macerare per un paio d’ore. Successivamente filtrare con un passino molto fine, un panno da cucina oppure un filtro da caffè americano.

Se avete fretta o volete evitare di aspettare 2 ore,  dopo aver filtrato il latte la prima volta, frullate nuovamente la polpa e filtrate di nuovo.

Conservate in frigo per qualche giorno, e all’occorrenza congelate senza problemi.

Buon divertimento! 🙂