My eyes on Stockholm: 36 hours on how not to judge a book by its cover

[scorrete in basso per la versione in italiano]

A few years ago I travelled to Sweden. I started from a lovely village on the west coast, perfect postcard landscape, sunny even! Then i went to Stockholm, got off the train and all I saw was horrible big buildings and rain. I left a few hours later and went back to the sunny village on the west coast.

A few days ago I went back to Stockholm after all these years. The start went a lot better this time mostly because I managed to tolerate the sight of the big ugly buildings around the central station thanks to the fact that in one of these there’s a Wagamama restaurant now.  And Wagamama of course helps a lot.

I didn’t have much time, a full day and a morning, so another thing that helped was that my friend that knows Stockholm like the back of his hand, gave me lots of tips to make the most of my day…and it has been a fantastic one indeed!

So here is what I ‘ve done, and if you like it, then you know who to thank: my friend Rob! 😀

We arrived late in the afternoon, ignored the horrible buildings around the central station by stopping for a ramen soup at Wagamama, literally 30 meters away from the station doors. The weather was miserable so after a walk in the area of the hostel and a weird dinner in a garlic restaurant in disguise (it looked like a burger restaurant, but it actually had garlic everywhere. It was tasty, but I wouldn’t do it again) we just decided to go back to our room and watched a movie.

We slept at Skanstulls Hostel, in a double room with private bathroom. The prices for accommodation in Stockholm are pretty crazy, and here in Sweden it is not uncommon to stay in hostels. The room didn’t have any windows but overall it was really nice, the only downside of not having a window is that it is really hard to wake up in the morning. The hostel is in an area called Södermalm, which I really recommend as it is really groovy and full of nice cafes, restaurants and shops but not too far from the old town (about 20 minutes walk). Södermalm was ranked the coolest neighborhood in Europe by Vogue magazine in 2014. So feel free to feel pretty freaking cool when you walk around!!!

So in the morning we had breakfast at Pom och Flora. I want to go back to Stockholm only to have breakfast here again.

This little cafe is in Bondegatan 64 and I really really loved it. The guy is a chef, (one can totally tell by looking at the way he handles his knives) the food is great and unusual but not too much and the coffee is great. Plus, the atmosphere is pleasant.

After that we walked through Södermalm ..

stockholm stockholm

….and reached a lookout point to get the best views of the old town. The place is in Monteliusvägen and here is the view:stockholm

After that we crossed on the bridge to get to the old town. We had a walk around and explored all the little streets which are really charming…

and full of nice cafes and fine restaurants. We were lucky enough to be there for the change of the guard:

stockholm

We had a quick lunch and then walked towards Djurgården to reach the Vasa museum. The walk itself is beautiful

stockholm stockholm stockholm

And the Vasa museum is truly spectacular!

The Vasa is a ship from 1600 which sunk and it has been recovered after 333 spent on the bottom of the sea. It has been rebuilt like a puzzle and it is possible to walk around it as the museum is basically a building built around the ship. It is 98% original and it’s really incredible. And HUGE.

stockholm

The one on the right is a 1:10 model that reproduces the Vasa in it’s original condition, including the colours, which took 12 years to research and reproduce!! stockholm

After the museum we went back by public transport (super expensive!) to the hostel for a shower and then we went for dinner to celebrate my husband’s birthday.

Now, the dinner. We went to a viking restaurant and it was THE COOLEST THING!

The place is called Aifur Krog & Bar and it is on Västerlångatan 68B in the old town. It’s some kind of touristy place but their idea is to focus entirely on the gastronomic heritage from the Viking Age and this restaurant is the result of years of research about the food and culture from the years 700-1100 and therefore the food is good, much better than what you would expect from a themed restaurant!

The building itself is so cool and the whole setting, the cutlery, the clothes of the waiters, the live music are just perfect.

As for the food, here is what we ate:

I particularly liked the house smoked salmon and the desserts: an apple and nut cake and a saffron pancake, which was like a sort of rice cake. My favourite thing was the mead. I never had it before and I think I need to find some more ASAP!! 🙂 Mead is the oldest fermented drink in the world. It was common to give it as a gift to newly weds for one whole moon (about a month) and from this the term ”honey moon”!

My hubby also had a great time, I recommend this experience to everybody!

After dinner we walked back to the hostel happy and satisfied. The following morning we went for a big breakfast at Urban Deli in Södermalm (Nytorget 4) and then we said goodbye to this beautiful city!

So here is the story of how not to judge a book by its cover. Don’t get scared by the ugly buildings near the central station…Stockholm is pretty cool, and if you don’t believe me, just look around the corner.

Qualche anno fa ho fatto un viaggio in Svezia. Ho cominciato con un bellissimo paesino sulla costa ovest, un vero paesaggio da cartolina, c’era perfino il sole! Poi mi sono spostata a Stoccolma, sono scesa da treno e ho visto degli orribili palazzoni, e poi la pioggia. Sono ripartita poche ore dopo per tornare al bel paesino sulla costa.

Qualche giorno fa sono tornata a Stoccolma dopo tutti questi anni. L’inizio è andato molto meglio stavolta, grazie soprattutto al fatto che in uno degli orribili palazzoni vicino alla stazione centrale ora c’è un ristorante Wagamama. E Wagamama aiuta sempre!

Non avevo molto tempo, un giorno intero e una mattina, quindi un altro grande aiuto è venuto da un amico che conosce Stoccolma meglio delle sue tasche e mi ha dato un sacco di dritte…ed effettivamente è andato tutto alla grande!

Quindi ecco il resoconto della mia gita a Stoccolma. Se la replicherete e ne sarete felici, saprete chi ringraziare: il mio amico Rob! 😀

Noi siamo arrivati nel tardo pomeriggio, abbiamo ignorato i palazzoni della stazione centrale aiutandoci con una deliziosa zuppa di ramen da Wagamama, letteralmente a 30 metri dalla stazione. Pioveva, quindi dopo una passeggiata piuttosto bagnata nell’area del nostro ostello e una cena improbabile in un ristorante di aglio mascherato da ristorante di hamburger (sembrava servisse hamburger, poi una volta entrati abbiamo visto che c’era aglio dappertutto. La cena è stata anche buona, ma non la ripeterei!)  siamo tornati in camera a guardare un film.

Abbiamo alloggiato allo Skanstulls Hostel, in una camera doppia con bagno privato. I prezzi degli alloggi a Stoccolma sono alti e qui in Svezia non è inusuale alloggiare in ostello. La sistemazione mi è piaciuta, nonostante la camera non avesse finestre, e di conseguenza mi è costata fatica riuscire a svegliarmi al mattino. L’ostello si trova nell’area di Södermalm, un quartiere che vi consiglio dato che è molto “cool” e pieno di locali, caffè e negozi. Oltretutto si raggiunge a piedi la città vecchia in circa 20 minuti.

Södermalm è stato definito il quartiere più cool d’europa da Vogue magazine nel 2014, quindi sentitevi pure  fighissimi quando ci passeggerete!

La mattina abbiamo fatto colazione da Pom och Flora. Voglio tornare a Stoccolma solo per ripetere la colazione in questo caffè!

This slideshow requires JavaScript.

Questo piccolo caffè si trova a Bondegatan 64 e io me ne sono innamorata! Il ragazzo è sicuramente uno chef (si capisce da come usa i coltelli!), il cibo è ottimo e inusuale ma non troppo e il caffè è buono. L’atmosfera poi è davvero gradevole.

Dopo colazione, abbiamo passeggiato per Södermalm per raggiungere un punto panoramico…

This slideshow requires JavaScript.

Il punto panoramico si trova in Monteliusvägen e questa è la vista della città vecchia!

stockholm A questo punto abbiamo attraversato il ponte per raggiungere la città vecchia e abbiamo passeggiato in lungo e in largo per scoprire tutto il possibile. La città vecchia con le sue viette, i caffè e i ristoranti raffinati è davvero affascinante.

siamo stati così fortunati da capitarci durante il cambio della guardia!

stockholm

Abbiamo mangiato al volo e poi ci siamo incamminati verso Djurgården per raggiungere il museo Vasa. La passeggiata in se è molto bella

This slideshow requires JavaScript.

e il museo Vasa è davvero spettacolare! Vasa è una nave da guerra del 1600 recuperata dopo aver passato 333 anni sul fondo del mare. E’ il vascello di questa epoca più grande arrivato quasi integro ai giorni nostri. E’ stato ricostruito pezzo dopo pezzo e ora ci si può camminare tutto intorno dato che questo museo è un palazzo costruito intorno a questa barca gigante, originale al 98%. E’ davvero impressionante! In una delle due foto lo vedete a fianco di un modello in scala 1:10 che lo riproduce al suo stato originario, inclusi i colori che sono stati studiati per 12 anni!

This slideshow requires JavaScript.

Dopo la visita al museo siamo tornati in ostello con i mezzi pubblici (carissimi!) per una doccia e poi siamo andati a festeggiare il compleanno di mio marito con una cena al ristorante….già, e che ristorante! Abbiamo mangiato in un ristorante vichingo! Un’esperienza da non perdere!!! Il posto si chiama  Aifur Krog & Bar e si trova Västerlångatan 68B nella città vecchia. E’ in fin dei conti un’attrazione turistica, ma l’idea invece è quella di focalizzarsi sull’eredità gastronomica lasciata dai vichinghi ed è il frutto di anni di ricerche sul cibo e la cultura di quell’epoca, che va dal 700 al 1100. Quindi il cibo è buono, molto meglio di ciò che ci si aspetta da un ristorante a tema!

L’edificio è molto bello e tutti i dettagli, dall’arredo, ai vestiti dei camerieri, passando per le posate e l’atmosfera, con tanto di musica dal vivo sono davvero curati e perfetti.

Per quanto riguarda il cibo ecco cosa abbiamo mangiato:

This slideshow requires JavaScript.

Mi è piaciuto particolarmente il salmone affumicato in casa e i dolci: una torta di mele e noci e un pancake allo zafferano, che sembrava una sorta di torta di riso. Ma quello che mi è piaciuto di più in assoluto è l’idromele (dai, quello che beveva Obelix!!!!) In carta ne trovati moltissimi diversi tipi. Io non l’avevo mai assaggiato e ora temo proprio di doverlo andare a cercare 🙂 L’idromele è il fermentato più antico del mondo, a base di miele. Era uso regalarne alle coppie appena sposate abbastanza da durare una luna (circa un mese) e da qui il termine ” Luna di miele” .

Mio marito ha apprezzato tantissimo la sua sorpresa…consiglio questa esperienza a tutti!

Dopo cena siamo tornati contenti e soddisfatti in ostello. La mattina dopo abbiamo fatto una abbondante colazione da Urban Deli a Södermalm (Nytorget 4) e poi abbiamo salutato questa bellissima città!

Quindi questa è la storia di come non bisogna MAI giudicare un libro dalla copertina…. Non lasciatevi spaventare dai palazzoni intorno alla stazione centrale…Stoccolma è bellissima, e se non mi credete, vi basta guardare dietro l’angolo.

Happy kanelsbullensdag 2014!

[scorrete in basso per la versione in italiano]

Today is cinnamon roll day here in Sweden!

I made mini rolls using this recipe, and adding some almond past in the filling, for a twist! 🙂

Happy kanlesbullensdag and happy baking!

Cinnamon rolls

Oggi in Svezia è il giorno delle girelle alla cannella!

Per festeggiare ho preparato delle mini girelle, usando questa ricetta ed aggiungendo della pasta di mandorle al ripieno! 🙂

Buon kanelsbullensdag e buon divertimento! 🙂

Slides of my first swedish midsommar

[scorrete in basso per la versione in italiano]

I do love summer. Therefore, summer solstice should be a really happy moment for me, right?

Well apparently, there are some people that love summer even more than I do, an entire nation apparently. Yeah, that’s right. Swedes LOOOOOOVE midsummer. It is such a big deal, that when Sweden got its National day, they even discussed making midsummer the swedish national day, cause I mean, who doesn’t love  sun, warm almost 24 hours long days, amazing strawberries,  uncountable tiny little glasses filled with unidentifiable liquor (very often home made for an extra touch of mystery) that make you forget your own name, and funny incomprehensible drinking songs (nope, I didn’t invent this term) about frogs?

I DO!

I had a great first midsommar, I celebrated with friends  in a fantastic house with an incredible view on the archipelago….

 

hello.jpgLots of good food, and some not so good, after all……have you ever heard of surströmming?

It’s basically rotten baltic sea herring traditionally eaten with sour cream, bread or potatoes. It has a very long history and yet, the only thing that one really gets to know about it, is that according to a Japanese study, a newly opened can of surströmming has one of the most putrid food smells in the world. That’s right, there is no need to investigate more! One needs to open it in a bucket of water, because of the smell:

open.jpg

And yet, I ate it.

bleah.jpg

 

We needed to wash it off with LOTS of schnapps

wash it.jpg

Some swedish people I know say that it is really nice. I (and all the ones that decided to taste it at the party) say that it tastes just as it smells. And I leave that to your imagination!

I’m happy I tried it, but I’m definitely not going to eat it again, and neither will he:

mike.jpg

 

Rotten herring and all, it was a really lovely day. As every respectful swedish party, there was Kubbs:

people playing.jpg

 

and flying dogs:

buffy.jpg

And desserts with healthy strawberries wrapped in a zillion calories

mess.jpg

 

And much, much fun.

Till next year midsommar, I’ll be waiting.

sunset 2.jpg

 

Io amo l’estate. Quindi il solstizio d’estate dovrebbe essere un momento particolarmente felice per me, giusto?

Beh, a quanto pare ci sono persone che amano l’estate molto più di me, una nazione intera, pare.

Si, è così. Gli svedesi ADOOOOORANO la festa di mezza estate. E’ una questione talmente importante che, quando la Svezia ha deciso di avere un giorno nazionale, si è parlato di celebrarlo proprio il giorno del solstizio d’estate, perchè in fin dei conti chi non ama il sole, calde giornate lunghe quasi 24 ore, fragole fantastiche, innumerevoli piccoli bicchierini pieni di un liquore non classificato (spesso fatto in casa – perun tocco in più di mistero) che ti fa dimenticare perfino come ti chiami, e divertenti, incomprensibili canzoni per bere ( no, non ho inventato io questo termine) che parlano di rane?

Io si!

La mia prima festa di mezza estate è stata fantastica. L’ho passata con alcuni amici, in una bellissima casa con una vista mozzafiato sull’arcipelago…

hello.jpgTanto buon cibo, e altro non troppo appetitoso, tutto considerato.. avete mai sentito parlare di surströmming?

Si tratta di aringa del mar baltico, fermentata fino ad essere praticamente marcia, che viene tradizionalmente servita con pane, pana acida e patate. Ha una storia lunghissima, eppure l’unica cosa che davvero rimane impressa è che secondo uno studio giapponese, una latta di surströmming appena aperta ha uno degli odori più putridi del mondo. Esatto, non viene voglia di saperne di più! Bisogna aprirlo in un secchio di acqua, a causa dell’odore.

open.jpg

Eppure, io l’ho mangiato.

bleah.jpg

C’è stato bisogno di mandarlo giù con TANTA acqua vite.

wash it.jpg

Alcuni svedesi che conoscono affermano che sia molto buono. Io (e quelli che lo hanno assaggiato alla festa) sosteniamo che odore e sapore si somigliano molto…troppo. Vi lascio immaginare!

Sono contenta di averlo assaggiato, ma diciamo che non lo farò mai più. E sospetto neanche lui:mike.jpg

 

Aringa marcia e tutto, è stata davvero una bella giornata. Come tutti i party svedesi che si rispettino c’erano Kubbs:

people playing.jpg

 

e cani volanti:

buffy.jpg

E dessert con fragole molto salutari,avvolte in un milione di calorie

mess.jpg

 

E tanto buon umore

Alla prossima mezza estate, io l’ aspetto!

sunset 2.jpg

The ultimate swedish cinnamon roll recipe

[scorrete in basso per la versione in italiano]

As you probably know by now, lately I have been conducting a research on Kanelbullar (Swedish cinnamon rolls). I mean, it’s kind of compulsory for a pastry chef that moves to Sweden, right? So, my research basically consisted in baking and eating, eating and baking, until I managed to find the perfect roll.

Right before Christmas, I found an amazing recipe from Call me cupcake , one of my favourite blogs. Look no further, we have a winner!

I made this a few times already and it has always been a huge success.

I’ve used it to make a wreath as a Christmas present, but it works just as fine to make little rolls.

The recipe is a mix between two swedish classics: the cinnamon rolls, and the saffron buns. I actually prefer the version with the saffron and the orange, but if you want, you can use just cinnamon and cardamom for the original Kanelbulle taste.

I made just a few changes, but the original recipe is delicious as it is, and you can find it here.

Here is what you need to make 1 wreath:

Ingredients for the dough:

  • 12 g fresh yeast or 4 gr. dehydrated yeast
  • 40 g butter
  • 1/2 cup (125 ml) milk
  • 1/2 g saffron
  • 25 g granulated sugar
  • 1/4 tsp salt
  • 1 tsp cardamom
  • 200 g all purpose flour

For the filling: 

  • 50 g softened butter
  • 25 g granulated sugar
  • 1/2 tbsp cinnamon
  • 1/4 tsp cardamom
  • 1 tsp vanilla powder
  • the zest from 1 orange
  • Pinch of salt

For the egg wash: 

  • 1 egg
  • 2 tbsp cream
  • a pinch of sea salt

Method:

Sprinkle the yeast in a bowl.

Melt the butter in a saucepan with the spices, to release the flavour.

Add the milk and check the temperature. When it reaches 28°C, pour it over the yeast and dissolve.

Now add the sugar and half of the flour. Mix a little, then add the salt and the rest of the flour.

Work the dough until is smooth and elastic, and leave it to proof  in the bowl, loosely covered with cling film, in a warm place but not too hot (never on the radiator!) for about 1 hour.

Meanwhile, mix all the ingredients for the filling and set aside.

When the dough has doubled in size, dust the table with flour and roll it out to a rectangle of 55×25 cm. Spread with the filling mixture and start rolling lengthwise. Now, if you want to make rolls, just put the log in the fridge for a little bit and then cut slices about 2 cm thick. If you want to continue with the wreath, keep reading.

With a sharp knife, cut the log in 2, lengthwise, starting from about 5 cm from the extremity (I find this easier, rather than having 2 loose halves, and you won’t need to join the two parts back together afterwards). Twist, with the filling layers facing up, and transfer onto a baking tray covered with baking paper. Join the two extremities together to form a wreath. Cover loose with cling film again and leave to proof until it doubles in size again and heat the oven to 200°C.

When ready to bake, brush the wreath with the egg wash and sprinkle with sugar.

Bake for about 15-20 minutes.

Decorate as you like. As I used this as a Christmas present, this is how I have done it:

Of course you can decorate it as you prefer…just use your imagination!

I hope you will enjoy this recipe as much as I do!

Happy baking!

Come probabilmente già sapete, ultimamente ho condotto una ricerca per trovare il Kanelbulle (girella alla cannella svedese ) ideale. Mi sembra obbligatorio, per una pasticciera che si trasferisce in Svezia! La mia ricerca in buona sostanza consisteva in 2 fasi: la preparazione, e l’abbuffata, fino a trovare la girella perfetta.

Poco prima di Natale, mi sono imbattuta in una fantastica ricetta del blog  Call me cupcake , uno dei miei blog preferiti. Non c’è bisogno di guardare altrove, abbiamo un vincitore!

Ho già realizzato questa ricetta parecchie volte ed ha sempre riscontrato un grande successo. L’ho usata per preparare una corona da regalare a Natale, ma va benissimo anche per delle piccole girelle.

Questa ricetta è un mix di due classici svedesi: le girelle alla cannella, e i panini dolci allo zafferano. I preferisco la versione con lo zafferano e l’arancia, ma, per l’originale kanelbulle, avrete bisogno soltanto di cardamomo e cannella.

Ho apportato solo qualche piccolo cambiamento alla ricetta originale, che va benissimo anche così com’è, e la potete trovare in inglese qui.

Ecco cosa vi occorre per una ciambella:

Ingredienti per la pasta:

  • 12 g lievito fresco oppure 4 gr. lievito disidratato
  • 40 g burro
  • 1/2 tazza (125 ml) latte
  • 1/2 g zafferano
  • 25 g zucchero
  • 1/4 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino cardamomo
  • 200 g farina 00

Per il ripieno:

  • 50 g burro morbido
  • 25 g zucchero
  • 1/2 cucchiaio di cannella
  • 1/4 cucchiaino di cardamomo
  • 1 cucchiaino di polvere di vaniglia
  • le zeste di 1 arancia
  • 1 pizzico di sale

Per dorare:

  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di panna
  • 1 pizzico di fior di sale

Metodo:

Sbriciolate il lievito in una ciotola.

In un pentolino, scaldate il burro con le spezie, per cominciare a far uscire gli aromi. Aggiungete il latte freddo e controllate la temperatura. Arrivati a 28°C, versate sul lievito e scioglietelo bene.

Aggiungete lo zucchero e la metà della farina, mescolate, poi aggiungete il sale e la restante farina.

Lavorate fino ad ottenere un impasto elastico e liscio. Coprite con della pellicola senza schiacciare l’impasto e lasciatelo lievitare, nella ciotola, in un posto tiepido ma non caldo (mai sul termosifone!) per circa un’ora.

Nel frattempo, mescolate tutti gli ingredienti per il ripieno e mettete da parte.

Quando l’impasto sarà duplicato in volume, spolverate una superficie di farina e stendetelo fino a formare un rettangolo di 55×25 cm. Con l’aiuto di una spatola stendete la farcia e cominciate ad arrotolare per la lunghezza (per ottenere un rotolo lungo 55 cm). Ora, se volete realizzare delle girelle, mettete il rotolone nel frigo per qualche minuto e poi tagliate delle fette di circa 2 cm di spessore. Se invece volete continuare con la ciambella, proseguite la lettura.

Con un coltello affilato, tagliate il rotolo a metà, sempre nel senso della lunghezza, partendo da circa 5 cm sotto l’estremità ( trovo questo sistema più facile, piuttosto che avere due metà separate da intrecciare, e oltretutto in questo modo eviterete di doverle rimettere insieme successivamente). Intrecciate le due metà, mantenendo gli strati di cannella ben visibili, verso l’alto. Trasferite la treccia su una placca coperta di carta da forno e unite le due estremità per formare la corona. Coprite senza schiacciare con la pellicola, lasciate a lievitare e nel frattempo accendete il forno a 200 °C.

Quando sarà pronta per essere infornarnata, spennellate con il mix per dorare e spolverate di zucchero semolato.

Cuocete per circa 15-18 minuti.

Decorate come preferite. Io l’ho usata come regalo di Natale, quindi l’ho decorata così:

Chiaramente voi decoratela come più vi piace…usate la fantasia!

Spero che questa ricetta vi piacerà tanto quanto piace a me!

Happy baking!

Goodbye country

Quante cose stanno succedendo nella mia vita ultimamente (si, questo sta per diventare un post molto personale!) Professionalmente (ma non solo) parlando, una nuova e importante tappa sta per cominciare…Mi trasferirò a Parigi per lavorare in una delle maison di pasticceria più  famose e importanti e non posso spiegarvi che sensazione sia: batticuore-ansia-felicità-paura-emozione tutte insieme.

Negli ultimi anni mi sono dedicata sopratutto a viaggiare. Viaggiare è possibilmente la cosa che mi fa stare davvero, DAVVERO bene.

Quando sono venuta in Svezia, circa 6 mesi fa, pensavo di rimanere per circa 6 settimane. Non mi piace il freddo non mi piace l’inverno, ho bisogno di estate e di sole . Un amico mi ha proposto di fare un po’ di esperienza in cioccolateria e, dato che ero appena tornata dall’Australia e non avevo ancora piani per il futuro, ho accettato. Sorprendentemente, mi sono trovata benissimo sin dall’inizio. C’e’ qualcosa di davvero positivo qui, inoltre le persone sono cordiali e gentili e il tempo non è nemmeno troppo orribile (giusto un po’).

Cosi ho deciso di rimane, “piantare le tende” e godermi u po’ di vita di qualità.

Questa opportunità a Parigi arriva completamente inaspettata e spero porti molti frutti.

Qualche giorno fa abbiamo organizzato una festa di arrivederci…Avrei voluto farvi vedere le cose buone che ho preparato da mangiare ma sono finita ad infornare un milione di pizze e quando finalmente ero pronta a fotografare era già finito tutto!

E’ stato comunque un bel pomeriggio passato in compagnia, fra l’altro a giocare a questo strano gioco svedese dove bisogna tirare dei bastoni di legno e miracolosamente nessuno si fa male.

Per dolce ho preparato il lemon posset, un dolce tipico inglese ed è venuto davvero buono! L’ho servito con i frutti di bosco del giardino (si, questa è la Svezia) ed era anche così carino!

Sfortunatamente non ho potuto fotografare nemmeno quello, perche è letteralmente sparito in un secondo!

Poi ho preparato una torta al cioccolato bianco con lime e marmellata di more fatta in casa…ed era davvero buonissima!!

Ok gente, questo è tutto….prossima fermata in Italia per un paio di settimane e poi…ci vediamo a Parigi!

A presto Svezia, mi mancherai!