My eyes on Stockholm: 36 hours on how not to judge a book by its cover

[scorrete in basso per la versione in italiano]

A few years ago I travelled to Sweden. I started from a lovely village on the west coast, perfect postcard landscape, sunny even! Then i went to Stockholm, got off the train and all I saw was horrible big buildings and rain. I left a few hours later and went back to the sunny village on the west coast.

A few days ago I went back to Stockholm after all these years. The start went a lot better this time mostly because I managed to tolerate the sight of the big ugly buildings around the central station thanks to the fact that in one of these there’s a Wagamama restaurant now.  And Wagamama of course helps a lot.

I didn’t have much time, a full day and a morning, so another thing that helped was that my friend that knows Stockholm like the back of his hand, gave me lots of tips to make the most of my day…and it has been a fantastic one indeed!

So here is what I ‘ve done, and if you like it, then you know who to thank: my friend Rob!😀

We arrived late in the afternoon, ignored the horrible buildings around the central station by stopping for a ramen soup at Wagamama, literally 30 meters away from the station doors. The weather was miserable so after a walk in the area of the hostel and a weird dinner in a garlic restaurant in disguise (it looked like a burger restaurant, but it actually had garlic everywhere. It was tasty, but I wouldn’t do it again) we just decided to go back to our room and watched a movie.

We slept at Skanstulls Hostel, in a double room with private bathroom. The prices for accommodation in Stockholm are pretty crazy, and here in Sweden it is not uncommon to stay in hostels. The room didn’t have any windows but overall it was really nice, the only downside of not having a window is that it is really hard to wake up in the morning. The hostel is in an area called Södermalm, which I really recommend as it is really groovy and full of nice cafes, restaurants and shops but not too far from the old town (about 20 minutes walk). Södermalm was ranked the coolest neighborhood in Europe by Vogue magazine in 2014. So feel free to feel pretty freaking cool when you walk around!!!

So in the morning we had breakfast at Pom och Flora. I want to go back to Stockholm only to have breakfast here again.

This little cafe is in Bondegatan 64 and I really really loved it. The guy is a chef, (one can totally tell by looking at the way he handles his knives) the food is great and unusual but not too much and the coffee is great. Plus, the atmosphere is pleasant.

After that we walked through Södermalm ..

stockholm stockholm

….and reached a lookout point to get the best views of the old town. The place is in Monteliusvägen and here is the view:stockholm

After that we crossed on the bridge to get to the old town. We had a walk around and explored all the little streets which are really charming…

and full of nice cafes and fine restaurants. We were lucky enough to be there for the change of the guard:

stockholm

We had a quick lunch and then walked towards Djurgården to reach the Vasa museum. The walk itself is beautiful

stockholm stockholm stockholm

And the Vasa museum is truly spectacular!

The Vasa is a ship from 1600 which sunk and it has been recovered after 333 spent on the bottom of the sea. It has been rebuilt like a puzzle and it is possible to walk around it as the museum is basically a building built around the ship. It is 98% original and it’s really incredible. And HUGE.

stockholm

The one on the right is a 1:10 model that reproduces the Vasa in it’s original condition, including the colours, which took 12 years to research and reproduce!! stockholm

After the museum we went back by public transport (super expensive!) to the hostel for a shower and then we went for dinner to celebrate my husband’s birthday.

Now, the dinner. We went to a viking restaurant and it was THE COOLEST THING!

The place is called Aifur Krog & Bar and it is on Västerlångatan 68B in the old town. It’s some kind of touristy place but their idea is to focus entirely on the gastronomic heritage from the Viking Age and this restaurant is the result of years of research about the food and culture from the years 700-1100 and therefore the food is good, much better than what you would expect from a themed restaurant!

The building itself is so cool and the whole setting, the cutlery, the clothes of the waiters, the live music are just perfect.

As for the food, here is what we ate:

I particularly liked the house smoked salmon and the desserts: an apple and nut cake and a saffron pancake, which was like a sort of rice cake. My favourite thing was the mead. I never had it before and I think I need to find some more ASAP!!🙂 Mead is the oldest fermented drink in the world. It was common to give it as a gift to newly weds for one whole moon (about a month) and from this the term ”honey moon”!

My hubby also had a great time, I recommend this experience to everybody!

After dinner we walked back to the hostel happy and satisfied. The following morning we went for a big breakfast at Urban Deli in Södermalm (Nytorget 4) and then we said goodbye to this beautiful city!

So here is the story of how not to judge a book by its cover. Don’t get scared by the ugly buildings near the central station…Stockholm is pretty cool, and if you don’t believe me, just look around the corner.

Qualche anno fa ho fatto un viaggio in Svezia. Ho cominciato con un bellissimo paesino sulla costa ovest, un vero paesaggio da cartolina, c’era perfino il sole! Poi mi sono spostata a Stoccolma, sono scesa da treno e ho visto degli orribili palazzoni, e poi la pioggia. Sono ripartita poche ore dopo per tornare al bel paesino sulla costa.

Qualche giorno fa sono tornata a Stoccolma dopo tutti questi anni. L’inizio è andato molto meglio stavolta, grazie soprattutto al fatto che in uno degli orribili palazzoni vicino alla stazione centrale ora c’è un ristorante Wagamama. E Wagamama aiuta sempre!

Non avevo molto tempo, un giorno intero e una mattina, quindi un altro grande aiuto è venuto da un amico che conosce Stoccolma meglio delle sue tasche e mi ha dato un sacco di dritte…ed effettivamente è andato tutto alla grande!

Quindi ecco il resoconto della mia gita a Stoccolma. Se la replicherete e ne sarete felici, saprete chi ringraziare: il mio amico Rob!😀

Noi siamo arrivati nel tardo pomeriggio, abbiamo ignorato i palazzoni della stazione centrale aiutandoci con una deliziosa zuppa di ramen da Wagamama, letteralmente a 30 metri dalla stazione. Pioveva, quindi dopo una passeggiata piuttosto bagnata nell’area del nostro ostello e una cena improbabile in un ristorante di aglio mascherato da ristorante di hamburger (sembrava servisse hamburger, poi una volta entrati abbiamo visto che c’era aglio dappertutto. La cena è stata anche buona, ma non la ripeterei!)  siamo tornati in camera a guardare un film.

Abbiamo alloggiato allo Skanstulls Hostel, in una camera doppia con bagno privato. I prezzi degli alloggi a Stoccolma sono alti e qui in Svezia non è inusuale alloggiare in ostello. La sistemazione mi è piaciuta, nonostante la camera non avesse finestre, e di conseguenza mi è costata fatica riuscire a svegliarmi al mattino. L’ostello si trova nell’area di Södermalm, un quartiere che vi consiglio dato che è molto “cool” e pieno di locali, caffè e negozi. Oltretutto si raggiunge a piedi la città vecchia in circa 20 minuti.

Södermalm è stato definito il quartiere più cool d’europa da Vogue magazine nel 2014, quindi sentitevi pure  fighissimi quando ci passeggerete!

La mattina abbiamo fatto colazione da Pom och Flora. Voglio tornare a Stoccolma solo per ripetere la colazione in questo caffè!

This slideshow requires JavaScript.

Questo piccolo caffè si trova a Bondegatan 64 e io me ne sono innamorata! Il ragazzo è sicuramente uno chef (si capisce da come usa i coltelli!), il cibo è ottimo e inusuale ma non troppo e il caffè è buono. L’atmosfera poi è davvero gradevole.

Dopo colazione, abbiamo passeggiato per Södermalm per raggiungere un punto panoramico…

This slideshow requires JavaScript.

Il punto panoramico si trova in Monteliusvägen e questa è la vista della città vecchia!

stockholm A questo punto abbiamo attraversato il ponte per raggiungere la città vecchia e abbiamo passeggiato in lungo e in largo per scoprire tutto il possibile. La città vecchia con le sue viette, i caffè e i ristoranti raffinati è davvero affascinante.

siamo stati così fortunati da capitarci durante il cambio della guardia!

stockholm

Abbiamo mangiato al volo e poi ci siamo incamminati verso Djurgården per raggiungere il museo Vasa. La passeggiata in se è molto bella

This slideshow requires JavaScript.

e il museo Vasa è davvero spettacolare! Vasa è una nave da guerra del 1600 recuperata dopo aver passato 333 anni sul fondo del mare. E’ il vascello di questa epoca più grande arrivato quasi integro ai giorni nostri. E’ stato ricostruito pezzo dopo pezzo e ora ci si può camminare tutto intorno dato che questo museo è un palazzo costruito intorno a questa barca gigante, originale al 98%. E’ davvero impressionante! In una delle due foto lo vedete a fianco di un modello in scala 1:10 che lo riproduce al suo stato originario, inclusi i colori che sono stati studiati per 12 anni!

This slideshow requires JavaScript.

Dopo la visita al museo siamo tornati in ostello con i mezzi pubblici (carissimi!) per una doccia e poi siamo andati a festeggiare il compleanno di mio marito con una cena al ristorante….già, e che ristorante! Abbiamo mangiato in un ristorante vichingo! Un’esperienza da non perdere!!! Il posto si chiama  Aifur Krog & Bar e si trova Västerlångatan 68B nella città vecchia. E’ in fin dei conti un’attrazione turistica, ma l’idea invece è quella di focalizzarsi sull’eredità gastronomica lasciata dai vichinghi ed è il frutto di anni di ricerche sul cibo e la cultura di quell’epoca, che va dal 700 al 1100. Quindi il cibo è buono, molto meglio di ciò che ci si aspetta da un ristorante a tema!

L’edificio è molto bello e tutti i dettagli, dall’arredo, ai vestiti dei camerieri, passando per le posate e l’atmosfera, con tanto di musica dal vivo sono davvero curati e perfetti.

Per quanto riguarda il cibo ecco cosa abbiamo mangiato:

This slideshow requires JavaScript.

Mi è piaciuto particolarmente il salmone affumicato in casa e i dolci: una torta di mele e noci e un pancake allo zafferano, che sembrava una sorta di torta di riso. Ma quello che mi è piaciuto di più in assoluto è l’idromele (dai, quello che beveva Obelix!!!!) In carta ne trovati moltissimi diversi tipi. Io non l’avevo mai assaggiato e ora temo proprio di doverlo andare a cercare🙂 L’idromele è il fermentato più antico del mondo, a base di miele. Era uso regalarne alle coppie appena sposate abbastanza da durare una luna (circa un mese) e da qui il termine ” Luna di miele” .

Mio marito ha apprezzato tantissimo la sua sorpresa…consiglio questa esperienza a tutti!

Dopo cena siamo tornati contenti e soddisfatti in ostello. La mattina dopo abbiamo fatto una abbondante colazione da Urban Deli a Södermalm (Nytorget 4) e poi abbiamo salutato questa bellissima città!

Quindi questa è la storia di come non bisogna MAI giudicare un libro dalla copertina…. Non lasciatevi spaventare dai palazzoni intorno alla stazione centrale…Stoccolma è bellissima, e se non mi credete, vi basta guardare dietro l’angolo.

Spotted Dick …NOT what you think! ;)

[scorrete in basso per la versione in italiano]

I remember blushing when I ordered this at the restaurant. It was more like a whisper, really.

But then I read a little about it and discovered that “dick” was the word commonly used in the past for “pudding”. No one knows exactly why: some say it comes from the abbreviation of the word “pudding”, some that comes from “dough”. Anyway, all I know is that you definitely remember the first time you order it!🙂

Apparently the history of puddings in England has had highs and lows until they went totally out of fashion at some point. During the 19th century though they had a huge revival thanks to Prince Albert, the consort of Queen Victoria, due to the fact that Victoria had a sweet tooth and puddings were her favourite thing. I have always loved Queen Victoria, and now I like her even more!

Back to spotted dick, this recipe made its first published appearance in Alexis Soyer’s The modern Housewife or ménagère, published in 1849 where it was described as a suet pastry rolled out and sprinkled with raisins. Nowadays it should be cooked in a special tin to get its traditional cylindrical shape, but the tin is impossible to find, so it is more commonly cooked in a regular pudding bowl. It is generally served hot with custard.

I really loved this recipe, it is yummy and super easy to make!

spotted dick pudding

Ingredients for one 1.2 l. pudding bowl

  • 225 g self raising flour or regular flour with 1 tsp baking powder
  • 110 g shredded regular or vegetable suet
  • 75 g golden cane sugar
  • 225 g sultanas soaked in brandy
  • a pinch of salt
  • 150 g cold water

Sieve together the flour, the baking powder if you have it and the salt. Add the suet, the sugar and the fruit previously squeezed. Add the cold water (adding a drop more if you need it) to get a firm dough.

Place the dough in a greased pudding bowl, cover with foil following THIS method and steam for 2 hours.

Serve hot with custard and enjoy!

Ricordo di essermi vergognata quando ho ordinato questo dolce al ristorante, per via del nome abbastanza singolare. Infatti più che altro l’ho sussurrato.

Ma poi ho letto un po’ di storia e ho scoperto che “dick” era in passato la parola comunemente usata per definire “pudding”. Non si sa esattamente il perché, alcuni sostengono che derivi dalla parola “dough”, altri che sia un’abbreviazione del termine “pudding” stesso. In ogni caso, quello che è certo è che vi ricorderete sicuramente della prima volta in cui lo ordinerete al ristorante!🙂

A quanto pare la storia dei pudding in Gran Bretagna ha avuto alti e bassi, fino a che questi dolci così ricchi andarono fuori moda. Durante il diciannovesimo secolo ebbero un revival grazie al Principe Alberto, consorte della Regina Vittoria, che li riportò in auge a quanto pare a causa del fatto che Vittoria aveva un debole per i dolci e i pudding erano i suoi piatti preferiti.

A me Vittoria è sempre stata particolarmente simpatica e ora che ho scoperto questo suo amore per i dolci mi piace ancora di più!

Tornando allo Spotted Dick, questa ricetta ha fatto la sua prima apparizione su carta stampata nel libro di Alexis Soyer’s The modern Housewife or ménagère, pubblicato nel 1849 dove viene descritto come una pasta di suet stesa e cosparsa di uvette. Al giorno d’oggi viene cotto in speciali forme che gli danno la caratteristica forma cilindrica. Ma dato che questi stampi sono impossibili da trovare la maggior parte delle volte si finisce a cuocerlo in una normale ciotola da pudding. Generalmente viene servito caldo con crema inglese.

Questa ricetta mi è piaciuta tantissimo e oltretutto è facilissima da realizzare! Se non avete il suet potete provare a sostituirlo con shortening vegetale non idrogenato (avete presente quello bianco, tipo Crisco?) oppure con margarina. Potete anche utilizzare lo strutto, che è il grasso che di più si avvicina al suet oppure addirittura il burro, anche se non vi consiglio di usare solo burro per via del fatto che il dolce in se non deve avere un gusto burroso. Vi consiglio di comprare su internet dei pacchetti di suet, che viene già secco e tritato, è fantastico anche per preparare paste friabili….ma questa è un’altra storia! Lo trovate anche in versione vegetale se l’idea di fare dolci con grasso di manzo non fa per voi.

Ingredienti per una ciotola da 1.2 l.

  • 225 g farina auto lievitante oppure farina 00 e un cucchiaino di baking powder
  • 110 g suet o materia grassa scelta da voi per sostituire
  • 75 g zucchero di canna chiaro
  • 225 g uvetta sultanina ammollata in brandy
  • un pizzico di sale
  • 150 g acqua fredda

Setacciate la farina, il bakig powder se lo usate e il sale, in una ciotola. Aggiungete il suet, lo zucchero e l’uvetta strizzata. Aggiungete poi l’acqua (anche qualche grammo in più se serve) per realizzare un impasto molto sodo.

Ponete l’impasto nella ciotola da pudding imburrata, coprite con carta stagnola seguendo QUESTO metodo e cuocete al vapore per 2 ore.

Servite caldo con crema inglese e magari una bella tazza di tè al latte per un dessert very british!🙂