Un crumble per due…anzi per Bloggalline

[scroll down for the english version]

Questo è un dolce casalingo, senza pretese. All’apparenza semplice, anzi, imperfetto. E’ un dolce che se ne frega dell’aspetto esteriore, lui il buono ce l’ha dentro. Al primo morso, rivela tanti sapori diversi ma ben abbinati l’uno con l’altro, tutti delicati, nessuno troppo invadente. E’ il classico comfort food, quello che mangi a cucchiaiate sul divano di casa tua, in pigiama, senza pensieri. Quel dolce che non pensavi, ma è proprio, semplicemente, buonissimo.

Questo dolce ho voluto preparare per descrivere ciò che Bloggalline significa per me, dopo la serata del 2 ottobre a Milano.

E siccome quello dei dolci è il linguaggio che mi si addice di più, non so descriverlo con altre parole.

Del resto non importa, perchè so che loro capiranno.

CRUMBLE DI PERE CONFERENCE (in tegamino deluxe)

Dose per due persone.

Crumble di pere

INGREDIENTI PER IL RIPIENO:

  • 300 gr di pere confrence, sbucciate e tagliate a pezzettoni
  • 15 gr. zucchero di canna
  • i semi di una bacca di vaniglia
  • un pizzico di scorza di arancia

PER IL CRUMBLE

  • 60 gr. burro
  • 90 gr. farina
  • 15 gr. cocco rapé
  • 50 gr. zucchero di canna
  • (i filamenti più grandi dell’interno della bacca di vaniglia, se ce ne sono)
  • un pizzico di sale

PER LA CREMA 

  • 70 gr. panna (più un goccio per ammorbidire il mascarpone)
  • 30 gr. mascarpone
  • 10 gr. zucchero a velo

Preriscaldate il forno a 180° C. In una ciotola, mescolate delicatamente le pere con gli aromi e lasciate da parte.

Preparate il crumble, versando in una ciotola la farina, il cocco, lo zucchero, il sale e la vaniglia. Aggiungete il burro freddo di frigo tagliato a cubetti e cominciate a lavorare con la punta delle dita fino ad ottenere delle grosse briciole. Versate le pere sul fondo di una piccola pirofila, poi distribuite il crumble fino a coprirle tutte, in questo modo:

Pear crumble

e infornate per una quindicina di minuti, o finchè non raggiunga il bel colore dorato. Controllate che le pere siano ben morbide prima di sfornare.

Intanto, preparate la crema. Ammorbidite il mascarpone con un goccio di panna liquida e incorporateci il resto della panna semi montata con l’aiuto di una spatola, cercando di mescolare il meno possibile per evitare che la crema si separi. Questo accade per via dell’alto contenuto di grassi del mascarpone, quindi mescolatelo sempre il meno possibile.

Quando il crumble è ben dorato, sfornate, guarnitelo con una bella cucchiaiata di crema e ……godetevelo! 🙂

Nota: Grazie a Pentole Agnelli per questo meraviglioso tegamino che adoro e conserverò con cura e amore!

This is a home style dessert. It is simple, imperfect, not really pretty..it is just plain and simple GOOD comfort food. So make it, put your pyjamas on, grab a spoon and eat it on the couch, while watching a movie with your other half of the apple, with a friend, or whoever makes you happy!

CONFERENCE PEAR CRUBLE (recipe for 2 people)

Crumble di pere

For the filling:

  • 300 gr conference pears, peeled and cut in chunky pieces
  • 15 gr. brown sugar
  • the seeds of 1 vanilla pod
  • a pinch of orange zest, finely grated

For the crumble:

  • 60 gr. butter
  • 90 gr. all purpose flour
  • 15 gr. grated coconut
  • 50 gr. brown sugar
  • a pinch of salt
  • put in also the bigger bits that come off when you scrape the vanilla pod 🙂

For the cream:

  • 70 gr. soft whipped cream (plus a little to make the mascarpone soft)Pear crumble
  • 30 gr. mascarpone cheese
  • 10 gr.icing sugar

Preheat the oven at 180° C. In a bowl, mix delicately the pears with the sugar and spices and leave on a side.

Prepare the crumble by mixing all the dry ingredients in a bowl, then add the butter very cold and cut into cubes and start mixing using only the tip of your fingers, until you get a crumbly mix. Pour the pears on a small oven dish a cover them with the crumble.

Bake for about 15 minutes or until nice and gold colour. Always check that the pears are soft before removing it from the oven.

In the mean time make the cream. Soften the mascarpone up with some liquid cream and then mix to the whipped cream, using a spatula. Try mixing the mascarpone as little as possible, to avoid splitting the cream. This tends to happen with mascarpone cheese, due to its high fat content, so always stir it as little as possible.

Scoop a generous amount of cream on your crumble and dig in!

Happy baking! 🙂

Advertisements

Madame La Fluffosissima: The true and eventful story of a last minute cake.

[scorrete in basso per versione in italiano]

This is the story of a last minute cake.

One that you improvise when you find out that you have been invited to the birthday party of a foodie-wine expert-lover of all things beautiful- friend.

I mean seriously what to do, for a person like him? Cookies? Not good! Loaf cake? Nope. Mousse? Chocolates? No time.

Then I think about the cake that my friends Bloggalline do, so often that it practically became our manifesto. They are foodies! They have great taste! They know all things pretty! Let’s do it! 🙂

I have to admit that I had to rush A LOT. So the pictures were the least of my problems. And yes, you can totally see it.

I had to make something out of what I had at home, including for the decoration…so let’s face it, it is not the best looking cake ever, but it is the proof that last minute cakes are possible!

This is an incredibly versatile cake base, and thousands of different versions are possible.The only limit is the lack of imagination, so get creative and hands on! 🙂

fluffosa al tè

 

OOLONG TEA AND LEMON FLUFFOSISSIMA (makes a 21 cm cake):

  • 200 gr. sugar
  • 190 gr. all purpose or weak flour
  • 5 eggs
  • 130 gr. sparkling water
  • 80 gr. sun flower or light flavoured oil
  • 1 teaspoon baking powder
  • 2 drops of lemon juice
  • a pinch of salt
  • the zests of 1 lemon, finely grated

FOR THE GLAZE:

  • 250 gr. icing sugar
  • 2 tablespoons of oolong tea leaves
  • a drop of water

How is it done?

Super simple: First, set the oven to 165 °C.

Separate the eggs and whip the whites with a couple of drops of lemon juice,  until almost firm.

Sift the flour with the baking powder in a bowl, then add all the rest of the dry ingredients. Make a well in the center and pour without stirring the following ingredients, in this order: oil,  egg yolks, water, lemon zest. Now with a whisk, stir until smooth.

Pour 1/4 of the egg whites in the cake mix and stir with the whisk to lighten the batter. Now put the whisk away. Pour the rest of the whites in and mix with a rubber spatula,and start folding in. Across the bottom of the bowl, scraping the side towards you and folding it on the top. Slowly rotating the bowl and continuing the folding movement you won’t break the nice air bubbles that you create while whipping the whites.

Pour in an aluminium cake tin, like the chiffon cake ones, without paper, butter or flour. Note that depending on the shape of your tin, you might have a little batter left over. Make sure you don’t over fill the cake tin as the cake will puff a little. 3/4 of the tin works great. Bake at 165 °C for 40 minutes and then 175°C for 10 minutes.

At this point insert a skewer in the middle to make sure the cake is cooked. It should come out clean and dry. Now take the cake with a kitchen cloth or gloves and turn it upside down, using for example 3 glasses to work as a base and leave it cool down like this (this is why it is absolutely essential that you don’t use a non stick pan, and that you don’t put any paper or butter in it. If you did, most likely by now you are getting organized to eat the cake from your kitchen table).

Now prepare the icing: In a blender, combine icing sugar and tea. Mix until you don’t spot any big pieces of tea leaves. It’s white. Nothing happened. This recipe is wrong!

Now pour it in a bowl. Add a couple of table spoons of water and stir. Its turning black. Magic! The recipe works! 🙂

Keep adding water little by little until you get a thick cream consistency.

When your cake is cold, scrape the sides of the tin with a spatula or knife, place the cake where you want to serve it and pour over the glaze.

So this was the story of a last minute cake. And they lived happily ever after.

Torta fluffosissima al tè

THE END.

Ps: if you are curious to read more about the mum of this great cake, take a look here:

http://www.dolcigusti.com/2012/10/torta-sofficissima-con-lacqua.html

Questa è la storia di una torta del ultimo minuto.

Una di quelle che devi improvvisare quando scopri di essere stata invitata ad una festa di un amico foodie – esperto di vini – amante delle cose belle.

Seriamente, cosa preparare per una persona così? Biscotti? Non indicati! Plum cake? Direi di no! Mousse? Cioccolatini? Non c’è tempo!

Poi mi viene in mente la torta più quotata fra le mie amiche Bloggalline. Loro la fanno così spesso che ormai è una specie di manifesto del gruppo! Loro sono foddies! E hanno gusti raffinati! E ne sanno qualcosa di cose belle! E’ quindi deciso, che fluffosa sia! 🙂

Devo ammettere che sono andata veramente di fretta, per cui le foto sono state davvero l’ultimo dei pensieri. E in effetti si vede!

Ho dovuto adattarmi ad usare quello che avevo in casa, anche per la decorazione, quindi diciamocelo, questa non è la torta più bella del mondo, ma è la prova che si puo’ fare una torta all’ultimo secondo!

Questa è una base incredibilmente versatile, e l’unico limite è la mancanza di immaginazione, per cui sfoderate la creatività e forza, mani in pasta! 🙂

fluffosa al tè

 

FLUFFOSA AL TE’ OOLONG E LIMONE (per una torta da 21 cm.)

  • 200 gr. zucchero
  • 190 gr. farina 00 o farina debole
  • 5 uova
  • 130 gr. acqua frizzante
  • 80 gr. olio di semi
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • qualche goccia di succo di limone
  • 1 pizzico di sale
  • la scorza grattugiata di 1 limone

PROCEDIMENTO:

Facilissimo: iniziate con l’impostare il forno a 165°C.

Separate le uova e montate gli albumi a neve non ferma, con qualche goccia di succo di limone.

In una ciotola capiente setacciate la farina e il lievito. Aggiungete tutti gli altri ingredienti secchi. Poi fate una fontana al centro e versatevi, senza mescolare nell’ordine: olio, tuorli, acqua, zeste di limone. Mescolate con una frusta. Aggiungete al composto un terzo degli albumi e mescolate con decisione per alleggerire la consistenza. Ora mettete da parte la frusta e prendete una spatola di gomma (leccapentole o marisa, per gli amici). Incorporate il resto degli albumi all’impasto mescolando delicatamente on movimenti dal basso verso l’alto, ruotando la ciotola.  Versate in uno stampo non antiaderente e assolutamente non imburrato né foderato di carta. In relazione alla forma dello stampo che utilizzerete, forse vi avanzerà un po’ di impasto, in ogni caso riempite lo stampo circa per tre quarti.

Infornate a 165°C per 40 minuti e poi a 175°C per 10 minuti.

Fate la prova stecchino e se la torta è cotta capovolgetela e lasciatela raffreddare a testa in giù, poggiandola magari su dei bicchieri. Ecco perchè è fondamentale che la torta resti attaccata allo stampo, altrimenti arrivati a questo punto dovrete cominciare ad organizzarvi per mangiarla direttamente dal tavolo della cucina!

Adesso preparate la glassa: in un frullatore unite lo zucchero a velo e le foglie di te e frullate. Non succede niente, è tutto bianco, questa ricetta non funziona!!

Ora versate lo zucchero in una ciotola, aggiungete l’acqua poco a poco fino ad ottenere una consistenza cremosa e…magia! La glassa diventa nera, questa ricetta funziona! 🙂

Una volta raffreddata la torta, passate una spatola o un coltello intorno ai bordi, sistemate la torta sul piatto da portata e versatevi la glassa.

Questa è la storia della torta del ultimo minuto. E vissero tutti felici e contenti.

Fluffosa al tè

 

FINE.

Ps: se volete scoprire di più sulla mamma di questa torta fantastica, ovvero Monica di Dolci Gusti, cliccate qui:

http://www.dolcigusti.com/2012/10/torta-sofficissima-con-lacqua.html

 

Summer: best served cold

[scroll down for the english version]

Come molti di voi già sanno, io sono un’italiana giramondo.

Giramondo si, ma affezionata ai sapori della mia tradizione, delle mie radici, dei ricordi. Alle ricette delle mie nonne, ai profumi che mi riportano indietro nel tempo e mi fanno commuovere.

In occasione dell’evento «La Cucina Italiana nel Mondo verso l’Expo 2015» promosso da INformaCIBO, le mie amate Bloggalline organizzano il loro primo contest, e io non posso esimermi dal partecipare in quanto non solo Bloggallina, ma anche pasticciera-italiana all’estero-nostalgica cronica dei piatti di casa mia.

Con la ricetta che vi propongo oggi, realizzata nel rispetto della tradizione dei sapori della mia regione, della mia città, e nello specifico proprio di casa mia, partecipo al contest : “La Cucina Italiana nel Mondo verso l’Expo 2015”, organizzato da Le Bloggalline in collaborazione con INformaCIBO, nelle categorie Il gelato nel piatto Dolce Italia.

banner

UN GELATO VECCHIO-NUOVO:

Gelato alla ricotta di pecora, con amarene e crumble al timo

12 text.jpg

Se penso ad una combinazione di sapori tipica di casa mia, la prima cosa che mi viene in mente è ricotta e visciole.

La pianificazione e realizzazione di questo dessert hanno fatto riaffiorare  tantissimi ricordi della mia infanzia: mio nonno che viene a prendermi a scuola con un sacchettino di visciole raccolte da lui sulla via. Il sapore della ricotta appena fatta e ancora calda, in campagna. L’odore di erbe aromatiche nei giardini dei lotti della Garbatella.

Ecco come l’ho realizzato:

PER IL CRUMBLE:18.jpg

  • 200 gr. d farina 00
  • 200 gr. di burro non salato
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 80 gr. di zucchero di canna
  • timo q.b, grossolanamente tritato
  • fleur de sel q.b

Disponete la farina, il bicarbonato e lo zucchero in una ciotola. Aggiungete il burro freddo di frigo tagliato a pezzetti e lavorate con la punta delle dita fino ad ottenere un impasto sbriciolato. A questo punto aggiungete il timo e versate in una placca foderata di carta da forno. Distribuite in superficie un pizzico di fleur de sel e infornate a 170°C  fino a che l’impasto abbia assunto un bel colore dorato.

PER LE AMARENE SCIROPPATE:

Putroppo a Göteborg le Amarene Fabbri non si trovano. Non c’è proprio verso, le ho cercate dovunque! Alla fine mi sono decisa a prepararle da sola. Il risultato non è lo stesso, ma è comunque ottimo, specialmente se non c’è alternativa!

  • 350 gr. amarene denocciolate
  • 350 gr. zucchero
  • un goccio d’acqua
  • i semini di una bacca di vaniglia
  • volendo, si può aggiungere un goccio di kirsch

In un pentolino, fate scaldare leggermente le amarene. Aggiungete lo zucchero e la vaniglia, mescolate delicatamente e aggiungete un goccio d’acqua, ma non molta, in modo da ottenere uno sciroppo non troppo liquido. Portate appena a bollore e versate in un contenitore. Lasciate raffreddare e poi, se volete, aggiungete un goccio di kirsch.

9 def.jpg

PER IL GELATO ALLA RICOTTA:

Io ho realizzato anche la ricotta, perchè qui in Svezia è difficile da trovare (di buona qualità), come si fa? ve lo racconto nel prossimo post! 🙂

  • 450 gr. di latte
  • 100 gr. di uova intere
  • 100 gr. di zucchero
  • 180 gr. di ricotta di pecora (o vaccina, all’occorrenza)
  • un goccio di panna fresca, opzionale.

In un pentolino scaldate il latte e le uova, mescolando con una frusta. Raggiunti i 50°C aggiungete lo zucchero e portate ad una temperatura di 80°C. Versate il composto in una ciotola e aggiungete la ricotta previamente setacciata incorporandola con un frullatore ad immersione. Lasciate riposare in frigo per qualche ora e poi passate in gelatiera. Quando il vostro gelato è quasi pronto aggiungete un goccio di panna.

1def.jpg

MONTAGGIO:

Poco prima di servire, aggiungete del timo fresco al vostro cruble. Disponetene quanto basta sul fondo del piatto e aggiungete le amarene. Formate una quenelle di gelato con l’aiuto di un cucchiaio passato in acqua calda, e decorate con dello sciroppo e una foglionina di timo.

17.jpg

3.jpg

Buona estate!

With the occasion of a contest organized by my beloved Bloggalline for the Expo of the italian cuisine in the world, I have decided to propose you a dessert that has in within all the smells and flavours of my country, my city, and more specifically, my home.

While planning it and preparing it, so many memories came to my mind: my grampa, that brings me a little bag of sour cherries that he just picked along the way, when he picks me up from school. The taste of warm, just made ricotta, in the country. The smell of the herbs in the gardens of my neighbourhood.

This, is the essence of my past, with a modern twist.

1def.jpg

SHEEP RICOTTA ICE CREAM WITH SOUR CHERRIES IN SYRUP AND THYME CRUMBLE.

For the crumble:

18.jpg200 gr. d farina 00

  • 200 gr.un salted butter
  • 1 tsp. bicarb
  • 80 gr. brown sugar
  • thyme, roughly chopped
  • sea salt, to sprinkle

In a bowl, mix all the dry ingredients. Add the butter, cubed and very cold.

Mix with the tip of your fingers until you get the right consistency. Add the thyme and place in a tray lined with baking paper. Sprinkle with sea salt and bake a 170°C  until golden brown.

For the sour cherries in syrup

  • 350 gr. sour cherries
  • 350 gr. sugar
  • the grains of a vanilla bean
  • a dash of water
  • a little kirsch, optional

In a sauce pan, gently heat up the cherries. Add the sugar and the vanilla and stir delicately. Add a little water but not too much, otherwise you won’t get a nice thick syrup. Bring slightly to boil and let cool. Then, if you want, add the kirsch.

For the ice cream:

I made the ricotta at home, because in Sweden it is very hard to find (the good quality one). If you also have the same problem, stay tuned and I will tell you how it’s done! 🙂

  • 450 gr. milk
  • 100 gr. whole eggs
  • 100 gr. sugar
  • 180 gr. sheep ricotta (also cow works)
  • a dash of cream

Heat up the milk and the eggs, stirring with a whisk. When it gets to 50°C add the sugar and bring to a temperature of 80°C. Pour in a bowl, add the ricotta cheese, previously passed through a sieve and mix with a hand blender.

Let rest in the fridge for a few hours and the freeze in the ice cream maker. Just when it’s almost ready, add the dash of a cream.

17.jpg

PLATING UP:

First, add some extra fresh thyme to the crumble. Now place some on your plate, and add the cherries. Make a quenelle of ice cream using a spoon dipped in hot water. Decorate with some syrup and a thyme leaf.

Enjoy!

 

 

il Primo Imperdibile Contest di Bloggalline con Informacibo e Cucina Italiana nel Mondo

Che felicità far parte di questo gruppo! 😀


 

Carissime FoodBloggers FoodLovers, siamo entusiaste di comunicarvi l’avvio del primo imperdibile contest delle Bloggalline in collaborazione con INformaCIBO, il quotidiano web del Gusto.

 

L’invito è quello di partecipare all’evento internazionale de «La Cucina Italiana nel Mondo verso l’Expo 2015» promosso da INformaCIBO con il patrocinio di Expo 2015 Milano.

 

Le nostre ricette si uniranno a quelle dei grandi chef coinvolti in prima persona nell’iniziativa CIM, Chef Italiani nel Mondo: un network che raggruppa 3500 chef italiani, che lavorano in oltre 70 paesi in tutto il mondo, Ciao Italia, Ristoranti italiani nel mondo e la storica Associazione UIR – Unione Italiana Ristoratori.

La manifestazione si avvale di prestigiosi main sponsor come il Consorzio del Prosciutto di Parma, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Fabbri 1905 e il sostegno di Parma Alimentare, Cibus, Alma, Apt dell’Emilia Romagna, Parmigiano Reggiano Bonat Medaglia d’Oro, Ifse Scuola di Cucina …

View original post 631 more words

Bloggalline alla riscossa, anche in Svezia!

[scroll down for the english version]

Qualche tempo fa avevo fatto la richiesta per aderire al gruppo delle Bloggalline. Mi ha colpito subito il nome perché con alcune mie amiche ci chiamiamo “galline” fra di noi, quindi mi sono sentita chiamata in causa! Sono andata a dare un’occhiata e ho capito che oltre al bellissimo nome c’erano molte altre ragioni per le quali avrei voluto farne parte!

Ho fatto la richiesta….e poi non c’ho pensato più! Non ho avuto il tempo, mi sono lasciata prendere dagli impegni…insomma,per farvela breve, oggi sono andata a controllare e posso annunciare di essere ufficialmente una Bloggallina anche io!

Sono contenta, perché con progetti del genere, che coinvolgono persone con la stessa etica e gli stessi linguaggi,  le distanze si accorciano, anche per chi vive all’estero come me.

Timide, estroverse, dei vulcani di energia, insicure, discrete, confidenti, amiche. Forti là dove non lo aspettavi, bisognose di attenzioni, ferme non si abbattono di fronte agli scherzi del destino, in cerca di supporto. Sanno dirti le parole giuste, ascoltare, rialzarsi dopo una brutta caduta, confrontarsi, dire basta, mettersi in gioco. Apprezzano le bellezze del mondo e della vita, riflettono davanti alle cose brutte. 
Non cedono all’età, al mondo, agli eventi. Fanno tesoro dei momenti speciali, sono sincere, cercano l’armonia. Condividono la gioia e il dolore senza chiedere nulla in cambio, solamente perché vogliono. Amano, scherzano, si scoprono nei punti deboli per farsi accarezzare dalle parole dolci di un’amica. Gioiscono come se il successo fosse il loro. Raccontano come se ti avessero voluto lì con te. Si informano come se ti conoscessero da sempre.”

Mi sento già 100% Bloggallina! 

Coccodè,

Serena

Some time ago I made the request to get admitted to this group of bloggers called Bloggalline. I like the name right away, “gallina” in italian means chicken, or better the female of the chicken….what do you call that in English again? Well anyway, back in Italy, with some girlfriends, we call each other that way, so I though I would have loved to be a part of it!

I went on their site and read more about them, and realized that it is not just about the name, there is so much more I like about this group.

I made the request and then…..I just didn’t think about it anymore! I got busy, I focused on other things…I mean, I forgot! Anyway, long story short, I checked today and I can announce I am proudly a Bloggallina my self!

I am happy, as projects like this one, that bring together people with the same ethic and believes, make you feel like that distances don’t matter after all, even if you live abroad like me.

I already feel 100% Bloggallina! 

I know the website is in italian, but if you feel like it, take a look at this, you might understand better what I am talking about!

 bwok bwok bwooook, 

Serena